Carinaro

Allarme rapine, i carabinieri incrementano i controlli

 Carinaro. Allarme rapine a Carinaro, dove, negli ultimi tempi, bande di malviventi, penetrano notte tempo all’interno delle abitazioni e, dopo aver minacciato con le armi (e spesso malmenati) quanti vi abitano, portano via preziosi, danaro e autovetture.

“Siamo di fronte ad un fenomeno di allarme sociale altissimo che fa temere tutti gli abitanti della zona che non vivono con serenità la vita quotidiana”. E’ questo il passo più significativo di una nota che i fratelli Domenico e Vincenzo D’Agostino hanno invitato a sottoscrivere ai residenti in zona per inviarla, poi, al sindaco di Carinaro, al prefetto, al questore, ai carabinieri di Gricignano e al commissariato di polizia di Aversa. Nella nota si sottolinea che negli ultimi mesi il paese è stato oggetto di numerosi episodi di criminalità concentrati specialmente nelle zone limitrofe ai binari, soggette a furto e rapine.

L’ultimo episodio si è verificato qualche giorno fa ed è stato di una gravità tale da mettere in allerta tutti gli abitanti della zona. Due uomini, con accento straniero, passamontagna e guanti, armati, si sono introdotti in un’abitazione e, dopo aver sequestrato, per circa mezz’ora, e minacciato di morte con l’uso dell’arma, due anziani coniugi e il loro nipote, hanno tentato di strappare dal muro una cassaforte. Non riuscendoci, si sono allontanati con oggetti d’oro e danaro che aveva in precedenza razziato nell’abitazione.

I numerosi sottoscrittori della nota chiedono siano installate delle telecamere per controllare le vie di fuga, rappresentate quasi sempre dai binari ferroviari, e recinzioni difficili da scavalcare per raggiungere sempre i binari. Binari che, come noto, circoscrivono il territorio urbano di Carinaro, come una sorta di cinta muraria che, in questo caso, più che difendere, indebolisce le difese.

Sulla vicenda il sindaco Annamaria Dell’Aprovitola ha dichiarato: “In seguito a questi furti ci siamo attivati d’intesa con la stazione di Gricignano, il cui comandante ci ha assicurato, così come sta avvenendo, la presenza di un’autopattuglia che percorre le strade del paese h24, come si dice in gergo. Vediamo questa pattuglia in giro e ci sentiamo già un poco più sicuri. Sempre d’intesa con i carabinieri, in alcuni punti, tipo via Martiri di via Fani, dove è avvenuto l’ultimo caso, abbiamo installato fari più potenti, mentre per la videosorveglianza, sarà prevista nella nostra prima programmazione che è quella del 2015”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico