Campania

Strage del Bar Sayonara, il ricordo delle vittime a Ponticelli

 Napoli. Al grido di “Chi non salta camorrista 腔 e “La camorra non vale niente” è partita la marcia in ricordo delle vittime innocenti della strage del bar Sayonara, a Ponticelli, di cui ricorre il 25esimo anniversario.

Era l’11 novembre 1989 quando nel corso di un conflitto a fuoco tra clan avversi, caddero anche quattro vittime innocenti: Gaetano De Cicco, Domenico Guarracino, Salvatore Benaglia e Gaetano Di Nocera.

Ad aprire la marcia, uno striscione, portato da alunni di scuola elementare e dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, con lo slogan “Mani pulite per la legalità”. All’iniziativa, promossa da associazioni del territorio e da Libera, hanno partecipato diverse scuole del quartiere Ponticelli, dalle elementari alle superiori.

“Per battere la camorra – ha detto de Magistris – serve una rivoluzione culturale ed è bene che oggi ci siano le scuole e tanti giovani. La loro presenza – ha aggiunto – è un messaggio positivo per Ponticelli e per Napoli, ma oggi – ha proseguito il sindaco – bisogna anche ricordare per non dimenticare le vittime ed essere vicino ai familiari”.

Un luogo, quello della strage, che oggi – denunciano i familiari delle vittime – è piazza di spaccio. Tanti giovani, ma poca partecipazione “da parte degli adulti che – ha sottolineato Pasquale Leone, referente Libera Ponticelli e componente dell’associazione Terra di confine – sono i grandi assenti di questo quartiere e forse sono quelli che 25 anni, fa pur sapendo, non hanno parlato. I giovani di oggi di Ponticelli – ha proseguito Leone – invece hanno deciso che si deve parlare, che si deve cambiare, sono loro il vero motore del cambiamento”.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico