Campania

Napoli – Forum Culture, Pitteri: “Evento derubricato da Rutelli”

 Napoli. Un laboratorio di idee sul futuro del sud, una rassegna multiculturale con artisti da tutto il Mediterraneo, eventi e performance teatrali, mostre fotografiche nel nuovo spazio Loft e la cerimonia di chiusura affidata al maestro Riccardo Muti.

Il Forum Universale delle Culture di Napoli e Campania si accinge a completare il suo ciclo di programmazione, proponendo per le ultime settimane alcune delle iniziative di maggior rilievo in calendario, illustrate dal commissario della Fondazione Forum, Daniele Pitteri, e dall’assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Gaetano Daniele.

E alle critiche ricevute in questi giorni sulla programmazione, il commissario risponde Il Forum culture non è grande evento dal 2008, da quanto Rutelli l’ha derubricato. Oggi, grazie ad un accordo tra Regione e Comune sono stati stanziati 16 milioni di euro per realizzare un evento comunque lontano da quello che era stato ipotizzato nel 2007. Abbiamo dato voce alle forze attive della città, certo alcune cose sono state di livello molto alto altre meno, ma per l’impostazione stessa del format non potevano essere fatti altri eventi speciali”.

“Abbiamo ricevuto critiche giuste ma anche critiche ingiuste io difendo l’impostazione che abbiamo scelto di dare con un occhio alle tantissime associazioni cittadine che da sole lottano per aggregazione e cultura. – continua l’assessore Nino Daniele – Siamo pronti a ricevere tutti dopo il 10 dicembre per fare un bilancio dettagliato di quanto fatto, ma il dato di partenza deve essere che quello che abbiamo ereditato è stato un Forum che, in una prima fase doveva essere un grande evento con ricaduta nazionale, in una seconda fase non doveva esserci più. Per cui bisogna ragionare alla luce di una terza fase che ha quanto meno salvato il Forum grazie all’accordo tra Regione Campania, Fondazione Forum e Comune di Napoli”.

VIDEO

Dal 21 novembre si terrà alla Basilica di San Gennaro Extramoenia la due giorni di eventi di Vivaio Sud, per approfondire i processi legati all’innovazione tecnologica, sociale, culturale, professionale. Il Forum Universale delle Culture e Padiglione Italia, in collaborazione con ItaliaCamp e Mecenate 90, siglano un patto istituzionale che fa di Napoli un naturale ponte verso l’Expo e la sede ideale per discutere in anteprima i temi che verranno approfonditi a Milano nel 2015. “Non troverai altro luogo. Non troverai altro mare” è invece il titolo della rassegna a cura di Chèrif Khaznadar, poeta, scrittore e regista francese di origine siriana, presidente della Camera delle Culture nel Mondo.

Una rassegna che racchiude spettacoli teatrali, performance e installazioni artistiche. Dall’“Arlecchino a Napoli” di Paolo Rossi alle installazioni a Palazzo Reale di Peter Greeneway e Studio Azzuro e la partecipazione di musici e artisti da tutto il Mediterraneo. In programma anche l’omaggio dei Fratelli Colla ad Eduardo, con una messa in scena de La tempesta con la compagnia marionettistica al Teatro Acacia.

Nel Loft nuovo spazio del Palazzo delle Arti di Napoli, restaurato e inaugurato dal Forum, saranno ospitate alcune le mostre fotografiche di Elena Perlino e Luca Di Martino, la mostra Instameet realizzata in collaborazione con Instagram, e “film per una sola persona” con le pellicole di Gabriele Frasca e il gruppo Axiom.

Tra gli altri appuntamenti in programma – oltre alle attività a cura delle Municipalità – dal 21 al 23 novembre al Teatro Mediterraneo alla Mostra d’Oltremare Musbafest, festival di musica per bande, il 26 novembre concerto “Pellerossa a metà” serata in ricordo di Mario Musella al Teatro Palapartenope in cui verrà anche presentato il libro di Carmine Aymone dedicato al musicista napoletano.

Il Forum si concluderà il 9 dicembre con il concerto dell’Orchestra giovanile Luigi Cherubini diretta dal Maestro Muti nella sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella. Seguirà la grande festa di piazza con il gruppo rock Mashourou’ Leila, formato da artisti del Libano, Giordania, Egitto, Palestina e Israele e che sono simbolo della primavera araba.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico