Campania

Favori ai Ragosta, indagati i vertici delle Entrate campane

 Napoli. Anche i direttori regionale e provinciale di Napoli dell’Agenzia delle Entrate della Campania, sarebbero indagati nell’ambito dell’inchiesta della procura di Roma che coinvolge complessivamente nove persone, tra le quali il gip Alberto Capuano, per una serie di presunti favori concessi al gruppo imprenditoriale Ragosta.

Gli accertamenti hanno preso il via a Napoli con l’arresto, nel 2012, di esponenti di una famiglia proprietaria di società che operano nel settore del commercio del ferro. Poi gli atti sono stati trasferiti a Roma, competente per i procedimenti in cui siano coinvolte le toghe napoletane, dopo il coinvolgimento del gip Capuano.

Tra le accuse formulate a Capuano dai pmAlberto PiolettiedErminio Amelio, titolari degli accertamenti nella capitale,quella di aver stabilito contatti con i vertici dell’Agenziadelle Entrate regionale e provinciale con l’obiettivo di favorire i Ragosta.

L’ipotesi accusatoria per gli uomini delle Entrate è di corruzione in cambio di accertamenti addomesticati. Nei giorni scorsi erano stati perquisiti casa ed ufficio del giudice che da parte sua ha sottolineato di aver agito sempre alla luce del sole e nel rispetto della legge.

Articoli correlati

Camorra, 60 arresti a Napoli: colpito il gruppo Ragostadi Redazione del 19/03/2012

Camorra e riciclaggio, nuova misura cautelare per i fratelli Ragostadi Redazione del 12/07/2012

Corruzione, arrestato ex dirigente Agenzia Entrate Campaniadi Redazione del 15/07/2014

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico