Aversa

Il procuratore chiede due vigili al Tribunale, ma l’organico langue

 Aversa. Più che un corpo, un corpetto quello della Polizia municipale aversana che si assottiglia sempre più, riducendosi quasi alla terza parte di quanti dovrebbero essere gli agenti previsti in organico (150 circa). Sono infatti, 62, comandante compreso, i caschi bianchi in servizio.

Un numero assolutamente insufficiente per assicurare la giusta attenzione in tutti i settori, dal commercio all’edilizia, dalla mobilità alla polizia giudiziaria, in cui i vigili sono attivi. L’ultima decurtazione è di qualche giorno fa. Il procuratore del tribunale di Aversa-Napoli Nord avrebbe chiesto la presenza di due vigili urbani in seno all’ufficio che si occupa del rilascio dei certificati del casellario giudiziale per la verifica di carichi penali pendenti.

Una decisione che, stando ai “si dice”, avrebbe provocato anche qualche frizione tra la dirigenza dell’ufficio giudiziario di piazza Trieste e Trento e quelli della stessa Polizia municipale. In precedenza, dall’oramai lontano febbraio 2011, una vigilessa è in servizio presso un ufficio interno della casa comunale dove, tra le altre cose, ha distribuito, sino a quando ci sono stati, prima della tessera elettronica, i ticket per il pasto presso le mense scolastiche cittadine.

“Ovviamente, – affermano i rappresentanti dei sindacati di categoria – abbiamo chiesto anche notizie sui motivi di questa scelta, ma non ci sono state risposte da parte dell’amministrazione. In tutto questo la collega, da quanto ci è dato sapere, continua anche a percepire l’indennità di sicurezza, ma non porta più, almeno visibilmente, arma di ordinanza e non indossa la divisa. Ovviamente, non siamo contro la collega ma vorremmo un trattamento uguale per tutti, sempre che ci siano motivazioni a noi non note”.

Nella caserma di via San Lorenzo, poi, ci sono tre agenti di polizia municipale che sono esentati, per motivi di salute dallo svolgimento del servizio esterno. I guai grossi, però, si avranno tra luglio e ottobre del prossimo anno, quando dovranno andare in pensione (e non verranno sostituiti se non in minima parte) quattro o cinque degli attuali ufficiali (tenenti) con il rischio che non si riesca più a definire turni che possano garantire i compiti istituzionali del corpo di polizia municipale.

“In questo momento – sono ancora i sindacalisti a parlare – per la viabilità ci sono 22/23 colleghi. Questi devono garantire due turni nei giorni normali e tre nei fine settimana. Se si aggiungono ferie, malattie e permessi vari, si capisce come in strada non ci siano che una decina scarsa di agenti. Un numero assolutamente insufficiente per una città di oltre 50mia abitanti, capoluogo di riferimento dell’agro aversano con oltre trecentomila abitanti che ad Aversa si recano sia per disbrigo di pratiche che per frequentare gli oltre venti istituti scolastici delle superiori e le due facoltà universitarie di ingegneria e architettura. Il traffico che registriamo ogni giorno sta lì a testimoniarlo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico