Aversa

Forza Italia e gli “abusivi”: Di Grazia respinge le accuse di Orabona

Stefano Di GraziaAversa. “Abusivi” di Forza Italia. Così l’ex assessore Isidoro Orabona ha definito i consiglieri Stefano Di Grazia, Salvatore Della Vecchia e Gabriele Costanzo.

Una definizione “inaccettabile”, “consapevolmente falsa”, replica Di Grazia che va già duro nel rimandare al mittente le accuse. “Mi dispiace che una persona per la quale ho stima come uomo e una grande fiducia come professionista, al punto da avere messo nelle sue mani, per ben due volte, la mia vita, dia il via ad una polemica sterile. Nata probabilmente, dall’insuccesso, ancora non digerito, ottenuto alle ultime elezioni amministrative. Una polemica che non porta alcun costrutto ma penalizza il partito al quale Orabona dice di appartenere”.

Comincia così Di Grazia, consigliere comunale di Forza Italia, nel commentare le dichiarazioni dell’ex assessore, noto chirurgo cittadino apparse sugli organi di stampa. Essere definito abusivo di Forza Italia e un’espressione che il consigliere considera inaccettabile per sé e per gli altri consiglieri comunali a cui Orabona fa riferimento.

“Probabilmente – continua Di Grazia – l’ex assessore dimentica che il sottoscritto e Della Vecchia siamo sono eletti nelle liste di Forza Italia, quanto al consigliere Costanzo, candidato sindaco di due liste civiche, Orabona probabilmente ignora che, fin dall’inizio di questa amministrazione, il collega ha dichiarato di condividere i programmi di Forza Italia e quindi di sentirsi parte del gruppo consiliare formato dal sottoscritto, da Della Vecchia, Luciano, Tozzi e, inizialmente, da Gino Della Valle, Giampaolo dello Vicario e Michele Galluccio che successivamente si sono dichiarati rispettivamente indipendente, Della Valle, e di idee diverse dalle nostre al punto da scegliere di portarsi nei banchi dell’opposizione pur restando in Forza Italia”.

Una scelta che ha contribuito a formare due gruppi di Forza Italia in consiglio comunale, uno inserito nella coalizione di maggioranza, facente riferimento a Nicola Golia e Pasquale Giuliano, l’altro operante, di fatto, come e con l’opposizione dando vita ad una dialettica politica che rappresenta il sale della democrazia. “Quanto a Paolo Galluccio, eletto dalla lista di Noi Aversani, ricordo – aggiunge Di Grazia – che fino all’ultimo Consiglio comunale non ha dichiarato la sua appartenenza a Forza Italia come dovrebbe avvenire secondo le regole della politica, quindi applicando il criterio di Orabana andrebbe considerato abusivo”.

“Non amo fare polemiche, né apparire, perché l’impegno politico si esprime con il lavoro fatto tra i cittadini, ascoltandone i bisogni e cercando di dare risposte concrete ma – continua l’azzurro – quando si viene tirati per i capelli bisogna dire le cose come stanno”.

“Così – prosegue – devo ricordare al collega di partito Orabona, con il quale mi congratulo per la nomina a coordinatore cittadino dei seniores di Forza Italia, vale a dire degli iscritti che abbiano oltre 65 anni di età, che alle elezioni del 2012 il sottoscritto, presente nella lista di Forza Italia, è stato eletto per la terza volta al consiglio comunale, ottenendo 380 voti di preferenza, validi, e superando ben quattro candidati di Forza Italia che avevano ricoperto la carica di assessore, vale a dire Luciano Luciano, Alfonso Oliva, Pasquale Diomiaiuta, Isidoro Orabona”.

“Questo – sottolinea – senza che avessi mai ricoperto carche di impatto mediatico, come un assessorato, e senza utilizzare manifesti in campagna elettorale perché ero e sono convinto che la cittadinanza di Aversa conosce il percorso politico di ciascuno di noi e premia chi merita”.

“Il mio impegno, così come quello degli altri due colleghi definiti abusivi, è finalizzato – ricorda Di Grazia – all’interesse della città e del partito che è e resta quello di Forza Italia, e a questo partito abbiamo dato il nostro voto personale e sostegno alle recenti elezioni europee votando e supportando il candidato Martusciello, non il Nuovo Centro Destra come affermato da Orabona che rivestendo l’incarico di coordinatore dei seniores di Forza Italia ha praticamente frazionato il partito”.

“Perché – spiega – ad Aversa Forza Italia ha un coordinatore di partito nella persona di Luciano Luciano ed un coordinatore di una porzione del partito che dovrebbe essere già compresa naturalmente all’interno del partito qual è quella rappresentata dagli aderenti che hanno superato i 65 anni di età”.

Una carica che, se fosse finalizzata ad orientare le scelte del partito, creerebbe un curioso dualismo di ‘potere’ che avrebbe quale conseguenza la stessa che derivò all’asino di Buridano quando gli fu data la possibilità di scegliere fra due mucchi di fieno con, vicino ad ognuno, un secchio d’acqua. Nel decidere quale preferire si attardò così tanto da morire. Sarà questo il futuro di Forza Italia ad Aversa?

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico