Succivo

Inaugurata la “Casa della Gioia”

 Succivo. Erano in migliaia domenica scorsa all’inaugurazione della “Casa della Gioia”, il centro diurno Caritas ubicato nei locali attigui alle scuole elementari e medie di Succivo.

L’incontro si è tenuto nella Parrocchia della Trasfigurazione in piazza IV Novembre dove ad accogliere i fedeli c’erano il parroco don Crescenzo Abbate e il vescovo monsignor Angelo Spinillo.

Dopo un momento di adorazione eucaristica, in cui il Vescovo ha ricordato le parole di Gesù ai suoi discepoli “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli l’avete fatto a me”, i fedeli in processione eucaristica sono giunti fino alla sede della Casa della Gioia in via Virgilio. Lì, il vescovo ha benedetto la struttura dove è stata realizzata anche una piccola cappella.

Don Crescenzo ha spiegato che il nome della struttura trae ispirazione dalla frase pronunciata da Elisabetta quando la Madonna le fece visita nella casa di Zaccaria: “appena mi hai salutata il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo” e che il logo scelto è proprio l’abbraccio tra Maria ed Elisabetta.

Il sindaco Antonio Tinto e il vescovo Spinillo hanno fatto i loro complimenti a don Crescenzo per le tante attività e i progetti realizzati fino ad ora e per questo obiettivo raggiunto, paragonando il nuovo centro ad un nascituro che dovrà essere curato affinché possa crescere sempre di più e sempre meglio.

 “Abbiamo portato a termine i lavori di realizzazione di Casa della Gioia tra mille difficoltà economiche, burocratiche e politiche – dichiara il parroco don Crescenzo – ma siamo andati avanti e oggi questo sogno è diventato realtà. Il mio ringraziamento va a tutti i fedeli che con le loro generose offerte hanno contribuito concretamente alla realizzazione di questo progetto e ai volontari della Caritas. E grazie alle due amministrazioni comunali che si sono succedute in questi anni, l’amministrazione guidata dal sindaco Papa e quella attuale guidata dal sindaco Tinto, che con una delibera comunale ci hanno concesso i locali. Il centro è stato strutturato con una cucina, un refettorio, docce pubbliche, un guardaroba, un ambulatorio medico, una sala studio, una stanza per il custode notturno e il deposito per gli alimenti”.

“Le attività del centro partiranno da lunedì – conclude – ma già domenica 19 ottobre i bambini dell’azione cattolica faranno nella struttura una grande festa, la festa del ciao, che ormai rappresenta una tradizione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico