Sant’Arpino

Pd, Cammisa a Villano: “Espelleteci tutti!”

Domenico CammisaSant’Arpino. Di seguito il documento letto dal capogruppo di “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”, Domenico Cammisa, in occasione dell’ultimo Consiglio comunale con il quale la maggioranza ha approvato il bilancio di previsione 2014, contrariamente a quanto dichiarato dal commissario del Pd di Sant’Arpino Marco Villano.

“Gli iscritti e i simpatizzanti del Pd di Sant’Arpino, al termine di un’affollata riunione con oltre 180 presenti, dopo aver esaminato la situazione politica locale e respingendo al mittente i diktat di personaggi di scarsa rilevanza politica, hanno deciso di optare per l’appoggio, senza se e senza ma, all’amministrazione retta dal sindaco Eugenio Di Santo, chiedendo al consigliere comunale Domenico Cammisa di votare il bilancio di previsione 2014.

Non teniamo conto dunque di prese di posizioni di personaggi che, invece di dialogare con tutte le componenti presenti nel Pd di Sant’Arpino, sono diventati il braccio armato di esponenti da sempre bocciati ed invisi al popolo di Sant’Arpino, relegando il Pd ad una battaglia di retroguardia e di testimonianza senza alcuna visibilità politica.

Esprimiamo stupore e meraviglia per le continue ed imperterrite quanto inutili minacce che, se un risultato hanno ottenuto, è solo quello di ricompattare tutte le componenti contro le prese di posizioni del supercommissario Maigret, al secolo Marco Villano, anonimo come consigliere Comunale ad Aversa e forte come dittatore a Sant’Arpino, come l’ectoplasma di segretario provinciale che invoca legalità a Sant’Arpino, mentre nel suo Comune si distingue per l’assenza più totale in questo campo.

Non dimenticando che non più tardi di un anno fa il trasparente segretario provinciale si è recato a casa del sindaco Di Santo in via Alcide De Gasperi 142, chiedendo ed ottenendo appoggio alle primarie Pd. Con un piccolo ma significativo particolare, e cioè che Di Santo è iscritto all’Udc e non è mai stato iscritto al Pd.

Questo per la trasparenza, la legalità, e le specchiate virtù di questo personaggio debole con i forti, e forte con i deboli. Continueremo la nostra battaglia contro questo modo puerile e bigotto di intendere il partito, contro questi metodi squadristi, che denotano la mancanza di argomenti e l’appiattimento su posizioni personalistiche della difesa dell’amico di corrente.

Cari pseudo democratici, noi vi che diciamo il tempo è scaduto, il Partito va ricostruito con le regole della democrazia, non con la logica delle minoranze da sempre in libera uscita verso altri partiti, segnatamente Forza Italia, che diventano interlocutori dei supercommissari. Se volete espelleteci tutti!”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico