San Marcellino

Discariche e roghi, i cittadini dicono “Basta!”

 San Marcellino. “Basta!”. E’ l’urlo comune delle centinaia di persone che hanno preso parte, lo scorso sabato, alla manifestazione contro i roghi tossici e lo sversamento illegale di rifiuti organizzata da “Vogliamo una San Marcellino migliore e pulita”.

L’aria non è più respirabile e spesso i cittadini sono costretti a chiudere le porte per evitare il peggio: “Siamo davvero indignati per quanto sta succedendo. – dice Nicola Costanzo, presidente dell’associazione – Ho un figlio di 6 anni e non posso accettare che rischi di ammalarsi per mancanza di interventi da parte degli organi competenti. Ho perso una zia malata di tumore e un’altra sta facendo le chemio. Perché il delegato all’ambiente non interviene? Perché non si rimuovono i cumuli di immondizia dalle strade? Ciò che mi fa pensare ancora di più sono le scuole. All’esterno degli istituti vi sono sacchi di immondizia perennemente e tra questi si muovono indisturbata numerosi topi, che si introducono anche nelle scuole. Rione Campo Mauro e via Santagata offrono davvero il peggio da questo punto di vista, come d’altronde via Foscolo e via Petrarca, vere e proprie discariche a cielo aperto”.

La rabbia di Costanzo si unità a quella di migliaia di cittadini della Campania ed ai componenti dell’associazione “Terra dei fuochi”, capeggiata dal fondatore storico Angelo Ferrillo, il prossimo 25 ottobre, in occasione della seconda mobilitazione generale che si terrà lungo le strade di Napoli.

A seguire un reportage sul disastro ambientale di San Marcellino

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico