Italia

Cucchi, parte civile: “E’ morto di dolore”

 Roma. “Stefano Cucchi è morto di dolore perchè il suo cuore non ha più retto. Un dolore costante e crescente dovuto a un pestaggio, non premeditato ma d’impeto, avvenuto sei giorni prima in una cella di sicurezza del tribunale poco prima del suo ingresso in aula per la convalida dell’arresto”.

Lo ha affermato l’avvocato Fabio Anselmo, legale di parte civile della famiglia Cucchi, nel processo davanti alla corte d’assise d’appello cui ha chiesto di rinnovare il dibattimento con una nuova perizia perchè quella recepita in primo grado presenta “evidenti contraddizioni logiche, di metodo e di valutazione”.

Il penalista, visto che la famiglia Cucchi ha ritirato la costituzione di parte civile nei confronti dei medici e degli infermieri dell’ospedale Pertini, avendo ritenuta congrua l’offerta di risarcimento dei danni, ha puntato il dito contro i tre agenti della polizia penitenziaria, assolti per insufficienza di prove dall’accusa di lesioni personali.

“Le lesioni riportate da Cucchi alla schiena, e negate dai medici con superficialità, non erano di per sè mortali ma sostenere che lui non sia deceduto per quelle lesioni legate al pestaggio e’ pura ipocrisia. Senza quel pestaggio, non sarebbe morto”, ha detto l’avvocato.

“In questo processo mi ha colpito il silenzio assordante di questi tre imputati che non hanno mai indicato una verità alternativa a quella del pestaggio. Si sono sempre avvalsi della facoltà di non rispondere, come e’ loro diritto. Qualche difensore ha ipotizzato la possibilità di un coinvolgimento dei carabinieri nelle botte date a Cucchi ma solo per smontare le accuse mosse al proprio assistito”.

L’avvocato Anselmo ha quindi criticato la sentenza di primo grado nella parte in cui, assolvendo i tre agenti, non ha escluso un ruolo dei carabinieri che arrestarono Cucchi anche se poi non e’ stata disposta la trasmissione degli atti alla procura

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico