Home

Napoli-Torino 2-1, terza vittoria consecutiva per gli azzurri

 Il Napoli ricomincia da tre, tante quante sono le vittorie raccolte in una settimana particolarmente prodiga di risultati per gli uomini di Benitez che bissano in campionato il successo esterno di Sassuolo cui va aggiunto quello di Europa League ottenuto a Bratislava giovedì.

E pazienza se il gioco nonè ancora quello spumeggiante dello scorso anno: i partenopei mettono in cascina tre punti preziosi, fanno pace col pubblico e guardano con fiducia alla ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali grazie a una classifica che ora comincia a sorridere.

Il 2-1 con cui i partenopei regolano il Torino arriva al termine di una partita che si era messa male per colpa di una prodezza di Quagliarella, ex non troppo amato da queste parti, accolto anche stavolta tra i fischi e autore dell’illusorio vantaggio granata con una pregevole girata. Ma il Toro, passato in vantaggio, alla fine pagherà un atteggiamento troppo remissivo. Nel Napoli non c’è Hamsik, fermato all’ultima ora dalla febbre: al suo posto l’oggetto misterioso Michu. Nel Toro solito 3-5-2 con Ventura che riconferma Gillet in porta e davanti affianca Larrondo a Quagliarella.

L’avvioè di marca granata, con Glik che sfiora il gol di testa al 9′. Al 14′ i granata passano: edè proprio ”core ‘ngrato” Quagliarella che, scattato sul filo del fuorigioco, gira al volo in diagonale il lancio di Maksimovic infilando Rafael e l’intera retroguardia azzurra ferma nell’occasione. L’ex attaccante del Napoli non esulta ma si becca comunque il coro di scherno dei suoi ex tifosi.

Gli azzurri si scuotono e nel giro di 20′ confezionano sei palle gol pulite che non si concretizzano grazie alle parate di un ottimo Gillet e all’imprecisione di Higuain e Insigne. Al 23′ Michu conquista palla a centrocampo e innesca Insigne. Il tiro della punta partenopea si infrange contro il palo; sulla ribattuta Higuain per due volte ha la possibilità di ribadire a rete, ma in entrambe le circostanze il Pipita vede il suo tiro a colpo sicuro respinto dai difensori granata.

Conferenza stampa di Benitez

Intervista a Inler

Il Toro gioca a memoria e il 3-5-2 di Ventura si trasforma in un 5-3-2 o in un 4-4-2 a seconda delle esigenze, ma è il Napoli a rendersi ancora pericoloso al 32′ con una bella triangolazione Insigne-Callejon-Insigne, che mette il furetto napoletano nelle condizioni di trovarsi a tu per tu con Gillet che si supera sul tiro non troppo angolato. Napoli ancora vicino al gol in altre due occasioni: prima è Inler da fuori area a cercare il sette: Gillet vola e la tocca quel tanto che basta. Sul successivo angolo Higuain si ritrova una palla comoda comoda da spingere in rete a due metri dalla porta ma il suo tap in vola alto sulla traversa.

La ripresa comincia così come era finito il primo tempo, col Napoli all’attacco. Al 5′ Michu ha la palla buona sulla testa ma coglie la traversa. E’ l’avvisaglia del gol che arriva quattro minuti dopo con Insigne che di testa spedisce nell’angolino il cross pennellato da Zuniga. E’ l’1-1. Il Napoli non si ferma:è un vero e proprio assedio. Al 15′ Insigne da’ una palla d’oro a Higuain, ma il colpo di testa del puntero argentino e’ debole e finisce tra le braccia di Gillet. I padroni di casa sentono aria di sorpasso che arriva al 25′ grazie a Callejon che colpisce di controbalzo un cross di Insigne scavalcando Gillet con un beffardo pallonetto. Al 40′ esce Higuain, autore di una prova incolore e ancora a digiuno in campionato.

L’ultimo sussulto lo regala Gazzi con un tiro al 90′ su cui Rafael compie l’unico intervento della sua serata. Il Napoli soffre l’assalto finale granata ma puo’ festeggiare il ritorno alla vittoria davanti al proprio pubblico.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico