Campania

Napoli, al Liceo Umberto psicosi crolli: gli studenti protestano

 Napoli. Continuano a protestare gli studenti del Liceo Umberto di Napoli dopo il pezzo d’intonaco dalla controsoffittatura caduto due giorni fa in un’aula al primo piano.

Non bastano le rassicurazioni dei vertici scolastici, gli studenti chiedono maggiori garanzie per la loro incolumità. “Una nostra amica ha visto la morte con in faccia e noi ora non ci sentiamo sicuri all’interno delle classi. Qui si viene per imparare, non per morire”, dice uno studente.

All’ingresso è stato affisso uno striscione con una scritta: “Chi vuole entrare entri”. Alla fine sono entrati quasi tutti.

Da parte sua, il preside Ennio Ferrara invita gli alunni a fidarsi: “Ho a cuore la loro sicurezza e mi adopero per mantenere integre tutte le strutture dell’istituto. Non esistono più rischi di crolli”, dice il dirigente scolastico che ha incontrato in mattinata i genitori degli alunni, mostrando loro un documento della Provincia che attesta l’esecuzione degli interventi di messa in sicurezza nell’istituto dopo il crollo di martedì scorso.

I vigili del fuoco hanno eseguito ulteriori controlli, in particolare sui cornicioni esterni. L’aula dove si è verificato il crollo è stata spicconata e chiusa, così come tutte le altre dove c’erano dei rigonfiamenti.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico