Aversa

Sottopasso, i fondi ci sono ma la burocrazia rallenta ripresa lavori

 Aversa. Ripresa in vista per i lavori destinati alla realizzazione del sottopasso ferroviario di via Atellana che permetterà ai residenti nella zona est della città e nei paesi limitrofi di accedere alla stazione di Aversa senza dover passare necessariamente per piazza Mazzini, decongestionando il traffico nella zona. …

I fondi ci sono e solo i tempi burocratici necessari all’assegnazione della nuova gara di appalto impediscono la ripresa immediata dei lavori. È quanto afferma il consigliere comunale di Forza Italia Michele Galluccio, responsabile dei rapporti del Comitato pendolari Aversa Roma nato per tutelare il diritto degli utenti della rete ferroviaria che si battono da tre anni per ottenere orari capaci di permettere ai lavoratori dell’agro di raggiungere la capitale in tempo utile a soddisfare le necessità imposte dalle loro attività di lavoro uscendo e rientrando a casa in orari decenti.

Quale rappresentante del Comitato pendolari Aversa Roma, legalmente riconosciuto che affiancherà il neonato Comitato pendolari Aversa est, finalizzato alla ripresa dei lavori del sottopasso, Galluccio ha avuto la possibilità di contattare i vertici regionali di Rfi sia per affrontare i problemi degli orari dei treni in partenza da Aversa da e per Roma sia per riprendere il discorso affrontato nella veste di componente della giunta municipale, relativo ai lavori per la realizzazione del sottopasso.

“Quell’intervento che era parte integrante del piano nazionale Cento Stazioni destinato a rinnovare le stazioni italiane, inclusa quella di Aversa, finanziato e partito nei primi mesi del 2011 fu sospeso – ricorda Galluccio – per il ritrovamento di una bomba durante gli scavi che poi non ripresero più a causa del fallimento della ditta che stava eseguendo i lavori”.

“Successivamente – continua l’esponente di Forza Italia – il progetto Cento Stazioni fu modificato e vennero soppresse alcune delle stazioni da ristrutturare compresa quella di Aversa per la quale, però, rimase in piedi il progetto del sottopasso”. “Naturalmente il finanziamento assegnato a Cento Stazioni doveva essere rimodulato, essendo di molto superiore a quello necessario per realizzare il sottopasso, e doveva essere indetta una nuova gara d’appalto” aggiunge il consigliere per chiarire il perché della ritardata ripresa dei lavori.

“Ora – conclude – i fondi ci sono ed occorrerà solo aspettare il completamento dell’iter per l’affidamento della nuova gara”. “Il finanziamento è stato riaccreditato all’ufficio di Rete Ferroviaria Italiana di Napoli, che nel breve riprenderà l’iter amministrativo per il prosieguo dei lavori che, come assicurato da Rfi, verranno espletati velocemente” ha affermato, in proposito, in un comunicato stampa, l’assessore alla mobilità Giuseppe Fusco aggiungendo che l’amministrazione comunale porterà a termine il progetto che prevede la realizzazione di un parcheggio di interscambio in via Atellana, liberando così piazza Mazzini dai bus e alleggerendo notevolmente il traffico cittadino.

Poi, restando in tema di mobilità, l’assessore anticipa che a brevissimo presenterà al sindaco, all’amministrazione comunalee alle forze politiche, e successivamente atutta lacittadinanza, il nuovo piano dei trasporti, del traffico e dei parcheggi della città. Un progetto che sarà a costo zero per le casse comunali perché sarà realizzato direttamente dall’assessore coadiuvato dai tecnici del Comune.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, la commercialista Giusy Affinito candidata di "Si Può Fare" - https://t.co/paj1XJKJKP

San Tammaro, 4mila pacchetti di sigarette nascosti in auto: 2 arresti https://t.co/T09Rjpf4Kj

Vitalizi, l'ex ministro Landolfi prende a schiaffi l'inviato di Giletti - https://t.co/KmgEeuDEsM

Berlusconi contro i 5stelle: "Nella mia azienda pulirebbero i cessi". Salvini: "Così si chiama fuori" - https://t.co/38Tq2r5FuO

Condividi con un amico