Aversa

“Scivoli” inutilizzabili: la Consulta disabili ferma lavori in Via Di Jasi

 Aversa. Lavori in via Di Jasi, tutto da rifare. Non solo è necessario correggere, così come sta avvenendo, l’errore fatto prevedendo la realizzazione di un marciapiede di larghezza di molto inferiore ai 120 centimetri previsti dal progetto nel tratto compreso fra via degli Artisti e via delle Acacie, …

… ma sarà necessario intervenire anche su quella tra via Raffaello e via Michelangelo praticamente realizzata, essendo priva solo della pavimentazione, e su quella realizzata completamente che viene già utilizzato da pedoni, ciclisti ed automobilisti.

A rendere d’obbligo l’intervento di correzione sarebbe un errore commesso nella realizzazione delle rampe di accesso, i cosiddetti “scivoli”, che permettono ai diversamente abili costretti all’uso della sedia a rotelle di servirsi dei marciapiedi. Essendo state realizzate all’interno degli spazi destinati alla sosta delle autovetture le rampe sarebbero inutilizzabili perché coperte dalle automobili parcheggiate, cosa vietata dal codice della strada che oltre all’ammenda prevede anche la decurtazione di punti sulla patente.

Un errore madornale di progettazione, presente dai due lati dell’arteria, che non sarebbe l’unico segnalato dalla Consulta cittadina dei diversamente abili all’assessore ai Lavori pubblici, Elia Barbato, nel corso di un incontro tenuto nella giornata di martedì e che sembra debba richiedere la riprogettazione del lavoro.

“Abbiamo presentato all’assessore una serie di rilievi fatti nel corso di un controllo effettuato la prima domenica di ottobre, giorno dedicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alla sensibilizzazione degli Enti sulla necessità dell’abbattimento delle barriere architettoniche”, dice Marco Olivetti, presidente della Consulta. “Avvalendoci della competenza dell’architetto Carla Cuomo, esperta in progettazione universale ed uno dei consulenti, per questo settore, nell’Expo 2015, abbiamo dimostrato all’assessore – continua Olivetti – gli errori, alcuni grossolani, commessi nel rifacimento dei marciapiedi, soprattutto relazione alla realizzazione delle rampe di accesso, i cosiddetti ‘scivoli’, ai percorsi tattilo-plantari indispensabili per i non vedenti, alla pista ciclabile realizzata che è pericolosissima per gli stessi ciclisti”.

Osservazioni che l’assessore Barbato ha considerato più che fondate, al punto da impegnarsi, con i componenti della consulta, a disporre la riprogettazione del lavoro che è stato sospeso nel tratto di marciapiede compreso via Raffaello e via Modigliani, dove sarebbe stato necessario solo posizionare i mattoncini scelti per la pavimentazione per concludere l’opera.

Una decisione per la quale Olivetti ha espresso grande soddisfazione perché dimostra la sensibilità della attuale amministrazione per i problemi dei diversamente abili che intende affrontare anche se una riprogettazione del lavoro comporterà, probabilmente, un aumento dei costi e un allungamento dei tempi di completamento dell’opera, previsto per metà novembre.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

San Nicola la Strada, entra in una casa e aggredisce due coniugi per rapinarli: arrestato - https://t.co/JYHTaC9afj

Anche la pizza fa parte di una dieta corretta: "Atelier della Salute" a Napoli - https://t.co/KPxh1JyJ8n

Napoli, festa al Bagno Elena con Steve Norman degli Spandau Ballet - https://t.co/YuscIeaw8d

Napoli, i maestri pizzaioli si contendono il Trofeo Pulcinella - https://t.co/Ris3DTHzNZ

Condividi con un amico