Sant’Arpino

Pd, Cammisa e Lettera: “Teatro dell’assurdo”

 Sant’Arpino. Ancora una volta ci vediamo costretti ad assistere ad un vero e proprio teatro dell’assurdo nel quale, personaggi che si nascondono dietro il nome del Partito Democratico, si ergono a paladini di coerenza e responsabilità.

E addirittura domenica scorsa è stato diffuso un comunicato stampa nel quale sedicenti rappresentanti della sezione del Pd di Sant’Arpino hanno annunciato di aver costituito insieme ad altri una nuova coalizione politica. Ma come si può fare i finti tonti fino a questo punto e fingere di ignorare una verità che è sotto gli occhi di tutti? Allora, ancora una volta, ci vediamo costretti a ricordare come stanno esattamente le cose. Innanzitutto, chiunque sa bene che a Sant’Arpino non esiste una sezione unica del Partito Democratico ma tre diverse correnti interne al partito e, coloro che continuano a distribuire volantini e a firmare comunicati, rappresentano proprio la minoranza di queste correnti.
Ma entrando nel merito del volantino diffuso domenica scorsa, questi personaggi che lo hanno firmato e che si nascondono dietro nomi di nuove coalizioni e nuovi coordinamenti, in realtà sono sempre gli stessi, quegli stessi quattro gatti che continuano a pensare di poter ingannare i cittadini. I santarpinesi invece sanno bene che siete sempre voi, (a proposito firmatevi la prossima volta) proprio quelli che loro hanno sempre individuato come persone da mandare all’opposizione.
Parlate di progetti, di sviluppo e di valorizzazione del territorio proprio voi che l’unica cosa che vi siete preoccupati di valorizzare è il vuoto pneumatico del vostro Io! E ancora vi permettete di parlare di dialogo e di confronto voi che con l’arroganza e la presunzione che avete dimostrato non conoscete nemmeno il significato di queste due parole.
Una cosa è certa, in tutti questi anni la vostra superbia non è cambiata. Una sola cosa è cambiata… siete sempre più pochi e sempre più isolati e non servirà certo un coordinamento con un nome nuovo di zecca a cambiare la realtà dei fatti o a ingannare i cittadini di Sant’Arpino!
Cari paladini senza macchia e senza paura la vostra unica speranza è che ” … Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi” da Il Gattopardo di Guseppe tomasi di Lampedusa . I santarpinesi vi conoscono bene e una nuova coalizione non servirà a cambiare le cose. L’unico modo per far recuperare credibilità è restarvene a casa!
Il consigliere comunale Domenico Cammisa
L’ex assessore comunale Salvatore Lettera

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico