Sant’Arpino

Gita dell’associazione Reduci e Combattenti

 Sant’Arpino. E’ stata una giornata speciale quella trascorsa sabato scorso dai membri dell’associazione Reduci e Combattenti di Sant’Arpino.

Un’iniziativa patrocinata dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Eugenio Di Santo che ha offerto ai 50 partecipanti il pullman che li ha accompagnati prima a Salerno e poi a Paestum.

Un’intera giornata all’insegna della scoperta dei luoghi storici e delle meraviglie della Campania organizzata dal segretario dell’associazione Alfredo Di Serio. A fare visita a sorpresa ai partecipanti nell’agriturismo “Terre di Paestum” il sindaco Di Santo, il vicesindaco Aldo Zullo e il consigliere Domenico Cammisa.

I membri dell’associazione hanno visitato il museo dello sbarco e Salerno Capitale con l’esposizione dei reperti dell’operazione Avalanche che vide lo sbarco sulla costa salentina di oltre 1000 navi. La più imponente operazione anfibia della storia, seconda solo allo sbarco in Normandia. Seconda tappa sono stati gli scavi di Paestum.

“Il mio grazie – dichiara il segretario dell’associazione Di Serio – va al sindaco Di Santo e a tutta l’amministrazione comunale per aver contribuito fattivamente a questa e a tante altre iniziative dimostrando vicinanza e interesse per tutto ciò che è stato realizzato dalla nostra associazione. E’ stato un immenso piacere condividere con loro qualche ora di spensieratezza”.

“Siamo felici – dichiara il sindaco Di Santo – di aver contribuito a far sì che i membri dell’associazione Reduci e Combattenti potessero trascorrere una giornata all’insegna delle testimonianze del passato, delle bellezze della nostra terra e del divertimento. E con piacere abbiamo partecipato con loro ad un’occasione di incontro come quella di sabato. Al segretario Di Serio e a tutti i membri dell’associazione vanno i miei complimenti per tutto ciò che realizzano e per l’importanza di un gruppo che rappresenta un passato che non dobbiamo dimenticare, traendo dal ricordo un insegnamento profondo e importante”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico