Italia

Testimone di giustizia demolisce casa abusiva del boss

 Reggio Calabria. Una casa abusiva di proprietà dei boss della famiglia Pesce di Rosarno, realizzata in un’area archeologica, sarà demolita grazie all’imprenditore edile Gaetano Saffioti che da 17 anni vive sotto scorta per avere denunciato boss e gregari della ‘ndrangheta della Piana di Gioia Tauro.

Nonostante gli atti fossero stati istruiti già dai primi anni del 2000, fino ad oggi nessuno aveva voluto demolire quell’edificio. L’immobile era di proprietà di Giuseppe Bonarrigo, di 78 anni, madre di Antonino, Vincenzo, Rocco, Savino e Giuseppe Pesce, quest’ultimo detenuto.

Della casa e degli incontri tra boss che si svolgevano ha parlato anche Giuseppina Pesce, la figlia del boss Salvatore divenuta collaboratrice di giustizia.

Duecentocinquanta metri su un solo piano, realizzata a metà degli anni ’80 in piena zona archeologica, la casa era stata acquisita al patrimonio del Comune di Rosarno nel 2003 dal sindaco dell’epoca Giuseppe Lavorato.

Per tutta risposta, alcune settimane dopo, la facciata del Comune fu raggiunta da decine di colpi di kalashnikov. Nonostante questo il sindaco andò avanti e istruì gli atti per la demolizione.

Tutti i bandi pubblici successivi, però, andarono deserti. Dopo un primo sopralluogo effettuato lunedì, i mezzi del testimone di giustizia – come scrive il Quotidiano del sud – entreranno in azione oggi per avviare la demolizione che durerà alcuni giorni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico