Italia

Partita per la Pace: show di Maradona e Baggio

 Roma. E’ finita 6-3 per il Pupi, la squadra con il nome della fondazione benefica di Javier Zanetti, sullo Scholas della coppia Maradona-Baggio la partita interreligiosa della pace voluta da Papa Francesco, fattosi vivo prima dell’inizio tramite videomessaggio.

Ventimila persone hanno risposto all’appello del pontefice nonostante la serata quasi autunnale, e si sono divertiti con l’assist di esterno con cui Dieguito ha servito il Codino per il gol di quest’ultimo nel primo tempo, con un altro paio di giocate di autore di Maradona e le sue proteste con Rocchi per un rigore concesso agli avversari, e con la tripletta di Icardi che ha interpretato il match quasi come se stesse giocando nella sua Inter.

Per il resto è stata una festa come voleva il Papa, in nome della tolleranza e con un occhio anche alla fame nel mondo, come si è raccomandato Maradona, con bandiere del Vaticano, e di Iran, Palestina, Argentina e Italia una accanto all’altra sugli spalti.

Maradona ha giocato per tutti e 90 i minuti, Maldini ed Eto’o nemmeno si sono cambiati e sono rimasti in giacca e cravatta in panchina, gli altri hanno dato ognuno il proprio contributo, mentre tanti papà sugli spalti spiegavano ai loro bambini chi fosse stato un tempo, e cosa fosse pace di fare, quel signore di quasi 54 anni che trotterellava in mezzo al campo toccando ogni tanto il pallone come solo lui sa fare, con bagliori di una classe immensa che non scolorisce con il passare del tempo.

Un piccolo strascico di polemica è stata alimentata proprio dal Pibe de Oro. Maradona, infatti, ha attaccato gli organizzatori per la presenza di Mauro Icardi in campo. Forse memore ancora della vicenda di Maxi Lopez, già commentata duramente dal campione argentino. “C’eravamo messi d’accordo che Icardi non avrebbe giocato, ha fatto tre reti e ha fatto la differenza. Dobbiamo parlare seriamente con gli organizzatori”.

Maradona su Papa Francesco

Maradona: “Icardi non doveva giocare”

Roberto Baggio

E’ stata una passerella di campioni di ieri e di oggi, in cui è quasi passata inosservata l’assenza dell’ultimo minuto di Messi, mentre Totti è stato evocato a fine prima tempo da Maradona (“stasera ci manca”): ma l’All Star della pace ha accolto con entusiasmo la chiamata di Papa Francesco. ”Lo sport deve essere sempre più unito in questo mondo pieno di guerre e di violenze. Sport significa integrazione, io ho avuto compagni di squadra di tutte le fedi e culture e mi sono sempre trovato bene, amico con tutti”.

C’è anche Paolo Maldini tra i tanti campioni che scendono in campo per la ‘Partita della pace’ e che oggi sono stati ricevuti in udienza da Papa Francesco in sala Nervi: ”Fa bene il Papa a puntare sullo sport per promuovere l’integrazione e quindi la pace”. Anche il duro Samuel, roccioso difensore della Roma e poi dell’Inter, al cospetto del Papa si trasforma in buono: ”Intanto io non sono cattivo, certo non vado in campo per perdere…Ma oggiè un’altra storia – prosegue l’argentino – E’ stato un momento bellissimo, sono grato a chi mi ha invitato. Come ha detto il Papa noi cerchiamo di dare un buon esempio, una buona immagine anche nei rapporti fra di noi”.

”Bellissima e utile questa iniziativa”, dice Damiano Tommasi, presidente del sindacato calciatori che da giocatore era definito ‘l’anima candida’. ”Nonè vero che il calcioè solo spettacolo. Spesso ci si dimentica invece di quanto forte sia l’immagine che lo sport da’ al mondo. Il papa ci invita a impegnarci per evitare le discriminazioni e le violenze di ogni tipo. Il calcio può riuscirci benissimo”.

”Anche solo una partita può essere utile a questo scopo – conclude Buffon – Quello del Papa è stato un gesto forte, specie in questo momento di violenza e di guerra nel mondo. Dalla partita di stasera viene una mano tesa alla pace, per l’integrazione e il rispetto dei popoli. E’ importante che tutti facciamo il possibile per far capire l’importanza della pace e della vita”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico