Cesa

Borzacchiello: “Il commercio cesano in crisi, è colpa nostra”

 Cesa. Voglio parlare di un tema che a tanti cesani è sempre stato molto a cuore: il commercio nel nostro paese.

Il progresso (se così vogliamo chiamarlo) ha portato alla nascita dei grandi centri commerciali e delle grandi catene alimentari, che offrono qualche vantaggio agli acquirenti, ma che ci danneggiano indirettamente, in quanto hanno un effetto devastante sull’economiadel nostro territorio.

Ognuno di noi in molte occasioni ha spesso manifestato preoccupazione per la chiusura dei nostri negozi, ma nessuno si è mai chiesto, in modo coscienzioso se la causa di ciò fosse anche da attribuire a noi stessi che spendiamo al di fuori del nostro paese, portando i nostri soldi nei paesi limitrofi o nei centri commerciali, lasciando che il nostro commerciante fallisca.

In pochi anni abbiamo assistito al proliferare di grandi catene di negozi, anche sul nostro territorio, che hanno creato un danno nel nostro tessuto economico. Tutto ciò (insieme alla forte tassazione del governo centrale) ha portato al fallimento e alla chiusura di qualche decina di negozi, che erano fonte di sostentamento e di sopravvivenza per nostri concittadini e non solo. Inoltre si parla tanto di mancanza di lavoro.

Penso che proprio favorendo l’economia del nostro paese si può far in modo che nascano nuove prospettive, dando lavoro a molte persone, e a tanti giovani di Cesa. Vi suggerisco, se abbiamo a cuore le sorti del nostro paese e se vogliamo che migliori, di spendere a Cesa: se compriamo dal panettiere sotto casa, e lui usa quei soldi per comprare la verdura dal fruttivendolo dietro l’angolo, che a sua volta compra una stufa dal rivenditore locale, i soldi circolano nella nostra cittadina, la crisi si allontana e meno negozi finiranno per chiudere, è la naturale conseguenza.

Al contrario, regalare i nostri risparmi ai forestieri, ai centri commerciali e nei paesi limitrofi equivale ad un lento, ma inesorabile, suicidio economico di Cesa. Tutto ciò si ripercuote negativamente con effetto domino anche sul bilancio del nostro comune, per questo spendere nel nostro paese può inoltre consentire, oltre che ad un negozio in meno di non fallire, un maggior incremento di risorse alle casse comunali facendo in modo di mettere in atto, iniziative ed eventi per il nostro paese (avendo più risorse, ripagate dal commerciante che paga le tasse).

In questo modo potremmo avere miglioramenti anche da un punto di vista ricreativo, culturale e sociale di Cesa. Insomma, spendere nel proprio paese può avere tanti effetti positivi. Uno fra tanti è che questo paese ritorni a vivere. Buona spesa a tutti, ma dal commerciante del vostro paese.

Antonio Borzacchiello

Vicecoordinatore del Forum dei Giovani di Cesa

coordinatore dell’associazione “Giovani in movimento per Cesa”

dirigente di Forza Italia Giovani

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico