Caserta

Dopo 20 anni di violenze trova il coraggio di denunciare l’ex marito

 Caserta. Gli agenti della squadra mobile, diretta dal vicequestore Alessandro Tocco, hanno notificato ad un 56enne di Caserta, disoccupato, un’ordinanza di divieto di avvicinamento all’ex moglie, vittima, da oltre due decenni, di violenze e sopraffazioni psicologiche.

Le indagini sono iniziate proprio dalle recenti denunce della donna la quale, dopo oltre 20 anni di matrimonio, gli ultimi 15 dei quali costellati da violenze pressoché quotidiane, esasperata dalle persecuzioni dell’ex coniuge, proseguite anche dopo una sofferta separazione, ha trovato il coraggio di rivolgersi alle forze dell’ordine.

In particolare, gli investigatori hanno appurato che l’uomo, dedito al gioco d’azzardo ed all’abuso di alcol, per anni, abitualmente, sottoponeva la consorte ad ogni forma di prevaricazione fisica e psicologica, con ingiustificate e brutali aggressioni con pugni, calci e schiaffi ed insulti di ogni genere, senza neppure tenere conto della presenza dei tre figli nati dall’unione.

Particolarmente toccanti risultavano proprio le testimonianze dei figli, i quali rivelavano che, con il trascorrere del tempo e l’età, proprio per evitare alla madre le violenze del padre, le evitavano di restare da sola in casa, soprattutto quando l’uomo rientrava ubriaco.

La vittima rivelava anche di avere denunciato in alcune circostanze le violenze subite ma di avere poi rimesso le relative querele nell’interesse dell’unità familiare. Poi, di fronte all’escalation di violenze, terrorizzata dal pericolo che il marito potesse arrivare alle estreme conseguenze, grazie anche al conforto della madre e dei figli, nel 2010 era riuscita ad ottenere la separazione.

Ma neppure l’interruzione della relazione coniugale arrestava le violenze. Infatti, l’uomo iniziava a porre in essere una serie infinita di atti persecutori, consistiti crudeltà in pedinamenti ed appostamenti presso l’abitazione ed il luogo di lavoro della donna; nel ripetuto invio di sms dal contenuto diffamatorio e intimidatorio; in insulti e minacce all’incolumità fisica posti in essere anche pubblicamente ed in presenza di terze persone e, negli ultimi mesi, in alcune aggressioni fisiche, anche nella pubblica via, culminate nel tentativo di colpirla con un coltello, senza riuscirvi per la pronta reazione della donna.

Di fronte a tali manifestazioni di ossessiva brutalità, la vittima finalmente decideva di denunciare la sua vicenda personale, dando il via ad una scrupolosa indagine, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, condotta dagli “specialisti” della squadra mobile, che, in breve tempo, ha portato all’adozione di un primo provvedimento cautelare.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico