Aversa

L’ex ministro Bray: “Salviamo la Maddalena”

 Aversa. Anche l’ex ministro dei Beni Culturali Massimo Bray lancia un appello a favore del Complesso della Maddalena.

Dalla sua pagina Facebook, Bray scrive: “La Reale Casa de’ Matti di Aversa, conosciuto come il Complesso della Maddalena e in grave stato di degrado, fu uno dei primi manicomi in Italia, istituito nel1813 da Gioacchino Murat, allora re di Napoli.Si sviluppa su un’area di 170mila metri quadrati, che comprende giardini un tempo magnifici e la piccola chiesa della Maddalena, che faceva parte del complesso fin dalla sua più antica fondazione, nel 1269, quando Carlo I d’Angiò volle costruire un convento per l’Ordine ospedaliero dei cavalieri di San Giovanni. Oggila Maddalena potrebbe finire in mani private, dopo che l’Asl di Aversa, che ne è proprietaria, ha pubblicato un bando di vendita, a fine luglio e con scadenza in settembre”.

Un gruppo di architetti e di cittadini attivi si è rivolto alla Soprintendenzaperché sia posto un vincolo sulla destinazione dell’intero complesso, così importante per la storia dell’architettura e della medicina, e si rivolge a tutti perché la comunità aversana, campana e italiana ne possa riconoscere lo straordinario potenziale sociale e culturale. Il bando per l’assegnazione è disponibile qui:http://tinyurl.com/mzwnucy.

“Dobbiamo fare di tutto perché il complesso della Maddalena sia tutelato e valorizzato”, scrive Bray.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico