Orta di Atella

Salvatore Lionello, il principe della pizza apre nuovo locale

 Orta di Atella. “Il mio sogno era entrare nei primo dieci, quando ho sentito il mio nome quale vincitore è stata un’emozione stupenda”.

Salvatore Lionello, 26 anni appena compiuti, di Orta di Atella, così commenta la sua affermazione al campionato mondiale della pizza 2014 svoltosi quest’anno a Parma.

Davanti ai locali della pizzeria di famiglia, la Paradise, nella centralissima piazza di San Salvatore, attualmente teatro di lavori in corso, ma attiva da trenta anni con il nonno che diede vita ad una rosticceria con forno a legna, incontriamo il neo campione del mondo. Dieci anni fa la decisione di togliere quel forno sostituendolo con quello elettrico per dedicarsi a quella che, poi, è divenuta la specialità di Salvatore: la pizza in teglia con l’ennesimo ritorno alla legna in corso. A giorni il via al nuovo locale che, completamente rinnovato, conterà 55 posti a sedere.

A consentire a Lioniello di salire sul gradino più alto dei pizzaioli italiani la pizza ‘My dad’, mio padre, dedicata, appunto, al padre Nicola, venuto a mancare pochi giorni prima della gara. Ingredienti semplici esaltati dal lavoro che il pizzaiolo ortese compie sugli impasti, sperimentando sempre nuove farine. Sopra al ‘disco’ provola, melanzane alla parmigiana, scaglie di grana e basilico.

Una bontà senza pari che rinnova il successo, avuto a Napoli lo scorso anno, quando presentò una pizza in teglia con provola, melanzane a funghetti e salsiccia. A contraddistinguere il lavoro di Salvatore, dicevamo, gli impasti. Praticamente unici: con la zucca o con il grano arso pugliese sino a quello multicereale. Non mancano, poi, quelli dolci dedicati ai più golosi e non soli: al cacao, alla nocciola e al pistacchio.

Fedele al detto ‘nemo propheta in patria’, Salvatore è quasi sconosciuto nell’agro aversano, ma una troupe di una televisione australiana gli ha dedicato una trasmissione di ben cinque puntate nel corso delle quali il pizzaiolo di Orta di Atella insegna la sua arte e i suoi segreti per ottenere pizze da campione del mondo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico