Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

E’ “cieco assoluto” ma va in giro con lo scooter: truffa da 168mila euro

 Mondragone. Per oltre quindici anni ha percepito un trattamento pensionistico per la sua condizione di “cecità assoluta”, ma era tutto falso e l’uomo conduceva una vita più che normale.

Con queste accuse i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Mondragone hanno deferito all’autorità giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere un falso invalido residente in Mondragone, S.E., 61 anni, che dal 1999 ha percepito la pensione di invalidità e indennità di accompagnamento per oltre 168mila euro.

Le indagini delle Fiamme Gialle, coordinate dalla Procura sammaritana, sono state condotte mediante preliminari accertamenti sviluppati attraverso un accurato raffronto dei dati forniti dall’Inps con quelli contenuti negli archivi di polizia, che hanno consentito ai Finanzieri di scoprire che S.E. era regolarmente titolare di patente di guida, condizione questa apparentemente in contrasto con il dichiarato stato di invalido per cecità assoluta.

Gli ulteriori approfondimenti delle indagini, eseguite mediante pedinamenti, appostamenti, fotografie e videoriprese, hanno consentito di accertare che il soggetto era solito spostarsi per la città alla guida del proprio ciclomotore, in modo da potersi recare ovunque, da solo, senza bastone bianco e senza cane d’accompagnamento o altro mezzo idoneo alla deambulazione.

Ed è proprio in due di queste circostanze che le Fiamme Gialle hanno fermato il falso cieco: la prima in occasione di un servizio di controllo del territorio, elevando allo stesso persino un verbale di contestazione per violazione al codice della strada e la seconda nel corso di un’attività finalizzata alla corretta emissione dei documenti fiscali durante una sagra della mozzarella, dove S.E. fu identificato quando, in totale autosufficienza e in orario notturno, era intento all’acquisto di frutta secca presso un venditore ambulante.

Le prove acquisite dagli investigatori, soprattutto attraverso le videoriprese, hanno consentito di accertare in maniera inequivocabile come, sebbene per il sistema sanitario fosse un cieco assoluto, S.E. in realtà ci vedesse piuttosto bene, tanto da non aver neppure bisogno degli occhiali da vista. I reati ipotizzati a carico del finto non vedente sono la truffa aggravata ai danni dell’Inps ed il falso ideologico.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico