Italia

Mafia, Riina intercettato: “Incontrai Andreotti, ma niente bacio”

 Milano. “Incontrai Giulio Andreotti, ma non ci baciammo”. E’ quanto è trapelato da un’intercettazione avvenuta nel cortile del carcere milanese di Opera mentre parla con il boss pugliese Alberto Lorusso, Totò Riina.

Il boss di Corleone, dunque, afferma che l’incontro con Andreotti avvenne, ma con modalità diverse rispetto a quanto raccontato da Balduccio di Maggio, l’autista del boss.

A riportare le intercettazione il quotidiano Repubblica. Secondo il quotidiano il contenuto del dialogo, che risale al 29 agosto 2013, è stato depositato dai pm al processo sulla trattativa Stato-mafia.

Andreotti, morto lo scorso anno, fu assolto a Palermo dall’accusa di aver incontrato nell’87 l’allora capo di Cosa nostra. “Balduccio Di Maggio – afferma Riina nell’intercettazione – dice che mi ha accompagnato lui e mi sono baciato con Andreotti. Pa… pa… pa…”.

E poi: “Però con la scorta mi sono incontrato con lui. Si tenevano nascosti – osserva Lorusso – ed erano fidati, la scorta sua erano fidati”. E Riina sottolinea: “Questi l’hanno salvato, questi, questi l’hanno salvato e si è salvato per questo. E si salvò”.

Infine, Riina fa notare a Lorusso che anche Di Maggio la fece franca: “Balduccio dice che lui si è messo in una stanza ed io sono rimasto con Andreotti. Minchia… ma questo cornuto… minchia figlio di puttana… ce la spuntò, ce l’ha spuntata e se n’è andato assolto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico