Italia

Cassa in deroga, allarme dei sindacati: “Rischiano in 65mila”

 Roma. Se saranno confermati i nuovi criteri per Cig e mobilità in deroga previsti dalla bozza di decreto interministeriale, “dei 148mila lavoratori coperti da questi strumenti sarebbero a rischio tra i 48 e 65mila”.

A lanciare l’allarme è il segretario confederale Cgil, Serena Sorrentino, parlando del restringimento dei requisiti e dei tempi massimi per la deroga.

I principi stabiliti nel decreto, infatti, secondo quanto riferito dal sindacato, riducono da 12 a 8 i mesi di copertura e limitano la possibilità di ricorso allo strumento, inserendo vincoli per imprese e lavoratori. Inoltre, sottolinea Sorrentino, la platea dei lavoratori coperti attraverso ammortizzatori sociali in deroga è già stata ristretta dagli “accordi presi a livello regionale”.

Il governo “o mette in agenda, come priorità, il tema della disoccupazione o tutti i ragionamenti su una crescita che scompare sono inutili”, commenta il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che aggiunge: “Oltre al problema di Cig e mobilità in deroga ci sono anche le norme previdenziali che impediscono il turnover”.

Segnali d’allarme arrivano anche dal segretario della Cisl Bonannì: “Dalla mattina alla sera, da mesi, si discute solo di legge elettorale e non più di economia, così avremo più disoccupati e più cassaintegrati”.

Dichiarazioni dello stesso tenore arrivano dalla Uil: “Fino a quando il governo non avrà fatto una riforma degli ammortizzatori sociali la Cassa integrazione in deroga deve essere coperta, senza fare altre chiacchiere”, aggiunge Luigi Angeletti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico