Italia

Bagno di folla a S.Agata de’ Goti per il sindaco di NY Bill De Blasio

 Benevento. “Grazie per la forza che ci avete dato nella campagna elettorale”. Così il sindaco di New York, Bill de Blasio, si è rivolto alla folla di circa duemila persone che lo ha atteso a lungo in piazza a Sant’Agata dei Goti, nel Beneventano.

Discendente da un nonno nato nel comune del Sannio ed emigrato negli Stati Uniti, il primo cittadino della Grande Mela ha rivendicato con orgoglio le proprie radici. “Grazie per la gioia che ci hai dato”, gli ha risposto l’avvocato Roberta Mongillo, figlia di un cugino di secondo grado di De Blasio che aveva organizzato un comitato elettorale per il candidato sindaco di New York tra gli emigrati beneventani negli Stati Uniti.

E’ un bagno di folla che non si aspettava. E lo confessa candidamente. “E’ una città meravigliosa, non mi aspettavo tanto calore – dice dal palco di piazza Tiziano Della Ratta, – e tornerò presto”. Di fronte a lui, alla moglie Charlene e ai figli Dante e Chiara.

Una cerimonia in stile americano quella organizzata dall’amministrazione comunale. Inno italiano tra gli striscioni che riproducono la bandiera Usa e tante autorità a celebrare l’evento. Prima il saluto della cugina Roberta Mongillo. “Questa sarà sempre casa tua” gli ricorda. E il cugino Arturo Mongillo lo ringrazia. “Sei un uomo che mantiene gli impegni”.

L’ultima visita di de Blasio risale a quattro anni fa, quando la carriera politica era solo un’aspirazione. “Oggi lo riconoscono tutti”, sottolinea Roberta, che nella notte della veglia elettorale fu la prima a ricevere un sms da New York del neo sindaco.

Un momento che non dimentica. “Ho sentito il vostro calore – dice ai suoi concittadini – come se fosse una vittoria vostra. Mio nonno partì da Sant’Agata a vent’anni e non ha mai dimenticato le sue origini. Voglio che anche i miei figli le ricordino”.

Una famiglia che si rinsalda. A ottobre prossimo i cugini Mongillo saranno nella Grande Mela per il Columbus Day. Due ore di attesa per il discorso e Bill non tradisce le aspettative. Ha derogato più volte al programma ufficiale con una visita più lunga del previsto nella casa dei parenti per riannodare i fili del passato e trasmettere ai figli la storia della famiglia raccontata dalla viva voce dei cugini.

Poi il bagno di folla in piazza e, infine, qualche battuta con i giornalisti, rigorosamente in inglese con gli inviati della stampa di New York. Unica battuta in italiano “Sono tifoso del Napoli, forza Napoli”.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico