Campania

Droga, spuntano contatti tra camorra ed ex tesoriere del Pp colombiano

Luis BarcenasNapoli. Spuntano contatti tra camorristi napoletani, di casa a Madrid, e l’ex potente tesoriere e senatore del Partido Popular, Luis Barcenas, in carcere da un anno per riciclaggio, falso e altri reati, dopo essere stato trovato in possesso di 48 milioni di euro su conti esteri.

La prova di un tentativo per entrare nel mondo politico emerge dall’intercettazione telefonica tra due camorristi, disposta nell’ambito dell’inchiesta “Tarantella” sui clan Aprea e Norelli, accusati di traffico di coca dalla Colombia a Napoli attraverso i porti spagnoli di Algesiras e Tarragona.

Un camorrista – fra i 31 arrestati tre giorni fa per questa indagine – dice al suo interlocutore: “Sono in contatto con Barcenas; mi ha detto che mafia e politica sono la stessa cosa”. A parlare con il politico era Ciro Rovaino – titolare della pizzeria Bella Napoli a Majadahonda (Madrid) – considerato un esponente di spicco della camorra nella capitale spagnola.

Ravaino e Barcenas esaminavano la possibilità di fare affari con il commercio di limoncello e con altre attività da aprire a Eurovegas, come il megacasinò previsto per il 2017 alle porte di Madrid, progetto accantonato alcuni mesi fa dopo l’arresto del politico avvenuto un anno fa.

La telefonata intercettata – secondo quanto riportano i media – risale al marzo del 2013. Ciro Rovaino dice all’altro: “Gli ho chiesto se conosce qualcuno a Eurovegas e lui mi ha risposto di sì. Poi mi ha detto che la mafia e la politica sono la stessa cosa”. Politico e camorrista si sarebbero dovuti incontrare ancora dopo Pasqua, ma non si sa se ciò sia accaduto.

Barcenas era da mesi al centro dell’inchiesta su tangenti al suo partito e su presunti conti neri nella gestione del Pp. Proprio in quei giorni era stato espulso dal partito, il 23 giugno successivo fu arrestato ed è ancora in carcere.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico