Campania

Arriva Papa Francesco, migliaia di fedeli a Caserta

 Caserta. Tutto pronto per l’arrivo di Papa Francesco atteso per oggi a Caserta in quella che sarà “la visita alla città e l’omaggio alla patrona Sant’Anna, un dono da parte del Sommo Pontefice che in questo periodo è in vacanza.

“Siamo gente di cuore, di sentimenti e di speranza. La Sua presenza all’ombra del monumento che rappresenta la nostra scommessa di sviluppo per il futuro, ha un valore morale inimmaginabile ed un significato prospettico di portata storica”. Così il sindaco Pio Del Gaudio nel suo benvenuto a Francesco ricordando della lettera inviatagli il 14 luglio e della proficua intercessione del vescovo: “Quando qualche giorno fa mi sono permesso di scriverLe sognavo la realtà che oggi stiamo per vivere. Grazie per aver scelto Caserta, grazie per aver compreso quanto è necessario che Lei benedica la nostra città”.

Anche il vescovo Giovanni D’Alise si dice convinto che l’atteso appuntamento servirà a scuotere le coscienze: “Ci aspettiamo una parola decisiva dal Santo Padre. La risposta della gente a questo annuncio della visita del Papa mi fa avere fiducia che non sarà solamente un venticello che smuove un po’ di polvere, ma sarà certamente qualcosa che penetra nella profondità del terreno delle nostre vite e anche delle relazioni nella nostra società”.

L’elicottero con Bergoglio partirà dalla città del Vaticano alle 15 per atterrare, alle 15.45, nell’eliporto dell’Aeronautica militare, presso la Reggia di Caserta. Ad accoglierlo ci saranno, con il vescovo ed il sindaco, il presidente della Provincia Domenico Zinzi, la prefetta Carmela Pagano ed il comandante Veniero Santoro. Del Gaudio consegnerà simbolicamente al Papa le chiavi della città ed un tableau di seta di San Leucio.

La conferenza stampa di presentazione

Alle 16 ci sarà l’incontro con i sacerdoti della diocesi presso il Circolo ufficiali dell’Aeronautica Militare e, nel frattempo, già dalle 15, la statua di Sant’Anna, patrona di Caserta, sarà portata in piazza Carlo III dagli Accollatori. Al termine dell’incontro con i parroci, il Pontefice percorrerà in papamobile piazza Carlo III per l’abbraccio con i fedeli e il saluto e la benedizione ai 160 diversamente abili che saranno disposti ai lati del corridoio centrale.

A collaborare con la sicurezza ci saranno 200 ragazzi delle parrocchie della diocesi che, in maglia e cappellino giallo, formeranno un cordone umano lungo il percorso della papamobile. Altri volontari delle parrocchie distribuiranno, invece, fin dalla mattina, volantini informativi sul piano traffico, sui parcheggi straordinari, sulle navette gratuite e sui treni per il deflusso serale sebbene, già da due giorni, l’invito – rivolto almeno ai casertani – sia chiaro: andare a piedi.

Piazza Carlo III, che è la più grande piazza d’Italia, la seconda più grande d’Europa, ospiterà un numero di fedeli che si stima non inferiore ai 300mila e che potrebbe sfiorare quota 500mila: l’afflusso sarà, per motivi di sicurezza, consentito solo fino alle 16. Dalle 16 alle 17.30 sarà possibile solo l’accesso ai posti a sedere, 3250 in tutto, riservati ad autorità civili e religiose e ai disabili indicati dalle parrocchie.

Alle 18, Papa Francesco presiederà la santa messa che sarà concelebrata dal vescovo di Caserta, monsignor Giovanni D’Alise e il vescovo metropolita di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe. Prima della santa messa, che sarà proiettata su quattro maxischermi, al Papa saranno consegnate le magliette delle squadre sportive locali: la Volalto per la pallavolo, Pasta Reggia per il basket, la maglia rossoblù per la Casertana Calcio. Poi, alle 19.30 l’elicottero decollerà di nuovo alla volta di Roma.

Papa Francesco tornerà di nuovo a Caserta lunedì, ma stavolta in visita privata. Non si è mai verificata una doppia visita del Papa, nella stessa città, in appena tre giorni.

Quanto alla viabilità, la città sarà chiusa dal lato di viale Carlo III a partire dalla rotonda di San Nicola e dal lato di Caserta nord in direzione Caserta su tutto viale Douhet a partire dalle ore 10. Off limits agli autoveicoli corso Giannone e corso Trieste mentre via Roma sarà a senso unico in direzione largo Amico. Inibite al traffico tutte le strade attorno alla Reggia. Il parcheggio sotterraneo di piazza Carlo III sarà chiuso su input della Gendarmeria Vaticana, mentre resterà aperto quello dell’ex caserma Pollio, dove potranno parcheggiare gli invalidi che hanno il pass e gli esponenti del Clero. Saranno invece gratuiti e a disposizione i posti blu a raso e quelli del parcheggio di via Unità d’Italia.

Sono 3200 i posti a sedere che saranno riservati a coloro i quali in queste ore stanno ottenendo l’agognato pass: 200 riservati alle corali, 200 per il servizio liturgico, 150 per le suore, 100 per le autorità e 320 per disabili e rispettivi accompagnatori: i restanti posti saranno poi destinati alle parrocchie che in queste ore stanno provvedendo all’individuazione dei beneficiari, scegliendo in particolare tra anziani e disabili. Si accederà su questa tribuna solo a partire dalle 16 mentre, al contrario, fino alle 16 e non oltre tale orario sarà possibile fare ingresso nella piazza. “Anche mia moglie starà in piazza come tutti”, ha chiosato il sindaco rispondendo alle polemiche sui pass.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico