Aversa

La due giorni del Papa a Caserta: il 26 incontrera’ i fedeli davanti alla Reggia

 Aversa. La notizia è ufficiale: Papa Francesco sarà a Caserta sabato 26 luglio, per incontrare i fedeli in una cerimonia pubblica, e il lunedì successivo, 28 luglio. Ad annunciarlo, in conferenza stampa,il vescovo di Caserta, Giovanni D’Alise.

Il Pontefice arriverà sabato 26,alle 16.30, in elicottero, atterrando nella scuola Scuola Specialisti dell’Aeronautica, adiacente alla Reggia di Caserta. Alle 18, celebrerà la santa messa in onore di Sant’Anna, patrona di Caserta, davanti al piazzale della Reggia e incontro con i fedeli. Poi farà ritorno nel capoluogo due giorni dopo per incontrare in visita privata il pastore evangelico Giovanni Traettino.

Un “indizio” che aveva suscitato speranzeera stato il sopralluogo, nella tarda serata di mercoledì, del sindaco del capoluogo, Pio Del Gaudio, del vescovo Giovanni D’Alise, e del dirigente della Digos Enzo Palmiero, insieme a tre persone “misteriose”, poi rivelatesi inviati della Gendarmeria Vaticana e funzionari dell’Ispettorato Vaticano della Polizia di Stato, nell’area davanti alla Reggia, dove in questi giorni si sono tenuti i concerti di Pino Daniele e Laura Pausini, mentre per giovedì sera è attesa Alessandra Amoroso. Bergoglio, infatti, potrebbe utilizzare proprio il palco montato per le esibizioni di questi artisti. Una visita storica in uno scenario altrettanto storico.

Già oggi,in Prefettura, dovrebbe riunirsiil comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per predisporre l’organizzazione della visita.

“Ringrazio, a nome della città, monsignor Giovanni D’Alise per il suo impegno affinché, con la visita di Papa Francesco a Caserta, si concretizzasse la risposta che i casertani attendevano”, ha commentato il sindaco Del Gaudio che rivolge un particolare ringraziamento al vescovo perché grazie a lui Bergoglio ha riservato attenzione alla sua proposta di accoglierlo in piazza Carlo III leggendo la nota che gli aveva indirizzato lunedì (LEGGI QUI).

Una visita che nei giorni scorsi ha sollevato forti speranze anche ad Aversa. La “scintilla” è scoccata con le dichiarazioni del responsabile del Wwf Alessandro Gatto, il quale ha scritto al Papa invitandolo, con una lettera aperta pubblicata dai media, a toccare con mano le gravi, gravissime problematiche di un territorio definito eufemisticamente “Terra dei fuochi” in cui, smaltendo nelle campagne rifiuti tossici,è stato commesso un crimine contro l’umanità. Una lettera che ad oggi non ha ricevuto risposta, tant’è che Gatto l’ha riproposta ancora una volta attraverso i media.

La speranza è che l’sos questa volta venga raccolto dagli organi istituzionali locali o magari dal vescovo della Diocesi, Angelo Spinillo, perché venga ritrasmesso all’attenzione del Pontefice che, avendo la richiesta sulla scrivania, potrebbe decidere di aderivi.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ecotransider e puzza, è finita: il Consiglio di Stato dà ragione a Comune e Asi - https://t.co/nzQfEupdJu

Cesa, assistenza a vittime di pizzo e usura: presentazione progetto il 18 dicembre - https://t.co/xdMRRde2rD

Trentola rappresenta Aversa in conferenza sindaci Asl: insorge "Noi Aversani" - https://t.co/zxkVNMuXpN

Osteoporosi, un "killer" per donne anziane: esperti si confrontano a Napoli - https://t.co/MZazt0xmu4

Condividi con un amico