Italia

Processi “aggiustati”, Iovine fa i nomi e racconta: “Zagaria non volle pagare”

 Caserta. Una “struttura”, all’interno del tribunale di Napoli, che si sarebbe occupata di “aggiustare” i processi di camorra”.

E’ una delle nuove rivelazioni del pentito Antonio Iovine, ex superlatitante del clan dei casalesi, contenute nell’interrogatorio reso dinanzi ai pm Antonello Ardituro e Cesare Sirignano, con il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, lo scorso 13 maggio.

I verbali sono stati depositati mercoledì 18 giugno, durante l’udienza del processo sulle minacce in aula allo scrittore Roberto Saviano e alla giornalista Rosaria Capacchione, oggi senatrice del Pd.

In un’altra seduta, quella del 28 maggio, “O Ninno” sostiene di aver di aver saputo dall’avvocato Michele Santonastaso, suo difensore storico, oggi imputato di collusioni con la camorra, “che c’era la possibilità di ottenere una sentenza di assoluzione” in un processo d’appello per un duplice omicidio (Griffo-Stroffolino) in cui era imputato anche Michele Zagaria e per questo “occorrevano 250 mila euro per comprare, per corrompere i giudici”. Ma Zagaria non volle pagare, ritenendo la cosa una truffa. Episodio che incrinò il rapporto tra i due boss.

L’avvocato avrebbe organizzato un incontro in un bar di Caserta con i familiari del boss e con un “intermediario” che si era già interessato per due sentenze di assoluzione favorevoli a Iovine. “Effettivamente – racconta Iovine – questo incontro ci fu e questa persona consegnò a mia moglie un bigliettino con un numero di telefono e l’indicazione della somma di 250mila euro occorrente per ottenere l’assoluzione. Questa persona voleva che ci fosse una conferma nel caso in cui Zagaria avesse dato l’ok definitivo. Io feci recapitare questo bigliettino a Michele Zagaria… Occorreva avere una conferma immediata perché si era in prossimità della chiusura del processo. Se non erro il giorno dopo l’assoluzione Zagaria mi incontrò e mi espresse la volontà di non voler pagare questi soldi lasciandomi intendere che a suo dire l’assoluzione non era dipesa dall’intervento di Santonastaso. Io ci rimasi molto male e questo fatto naturalmente incise sul prosieguo dei miei rapporti con Zagaria e iniziò un periodo di freddezza”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico