Esteri

Bimbi accoltellati in ascensore: follia a New York

 New York. Aveva solo sei anni il bimbo a cui è stata strappata la vita a coltellate in un ascensore.

È accaduto in un quartiere di Brooklyn, dove si è consumata la carneficina. Ferita anche una bimba di 7 anni che era in compagnia della vittima.

A quattro isolati di distanza, lo scorso venerdì, anche ad una diciottenne, Tayana Copeland, sono state inferte 32 pugnalate. La paura è che si tratti di un serial killer.

Il piccolo, Prince Joshua “P. J.” Avitto, era uscito di casa con l’amichetta per andare a comprare un gelato dall’altro lato della strada; ma non è riuscito a mettere il piedino fuori dall’ascensore. All’apertura delle porte, alcuni testimoni hanno visto un uomo di colore, robusto, scappare via.

“P.J.” è stato dichiarato morto prima di arrivare al Brookdale Hospital, dove è invece ricoverata la bambina, che sembrerebbe aver ricevuto 15 coltellate e sarebbe in condizioni critiche.

Le autorità locali hanno dichiarato di aver rinvenuto il coltello utilizzato dall’omicida mentre è stata offerta una ricompensa di 5mila dollari da Eric Adams, presidente del borough di Brooklyn, per chi aiuterà la polizia ad identificare l’assassino. Scossi i residenti del quartiere, di solito appellato come “quartiere tranquillo”. Intanto, è stato diffuso l’identikit del killer.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico