Cesa

Furto alla scuola media “Bagno”: ingenti i danni

 Cesa. Anche la scuola media “Bagno” di Cesa finisce in preda ai ladri. Venerdì mattina, all’apertura dell’istituto, l’amara scoperta: trafugati computer, unità centrali delle lavagne multimediali, apparecchiature audio e video e altro materiale.

Un danno da decine di migliaia di euro per la “Bagno” che con alcune delle attrezzature rubate doveva tenere la manifestazione di fine anno scolastico. Durante lo scorso mese di maggio analoghi furti si sono verificati nelle scuole medie ed elementari di Teverola, così come a Casaluce, Casapesenna, San Cipriano d’Aversa, Santa Maria Capua Vetere e San Felice a Cancello.

Una situazione che sta destando allarme tra la popolazione scolastica casertana tanto da finire al centro di un’interrogazione parlamentare presentata ai ministeri degli Interni e dell’Istruzione dal vicepresidente della Camera Luigi di Maio.

“Nelle ultime settimane – scrive l’esponente del Movimento 5 Stelle – hanno subito incursioni notturne il comprensivo ‘Ungaretti’ di Teverola e la ‘Beethoven’ di Casaluce”. Furti che, ritiene Di Maio, “non avvengono in considerazione del valore delle attrezzature, ma in funzione del discredito delle istituzioni scolastiche da parte delle organizzazioni criminali che intimoriscono i docenti e impongono la cultura della violenza”.

Ci sarebbe, dunque, secondo il pentastellato, la camorra dietro a questa “offensiva” alle scuole. Allarme eccessivo? Forse. Sta di fatto, tuttavia, che gli istituti vittime di questi episodi sono finiti in ginocchio. Ricomprare le attrezzature, infatti, non sarà facile visto che computer, Lim (lavagne multimediali) e altro materiali vengono acquistati con fondi Pon e Por, stanziati da Regione e Comunità europea, non certo dai Comuni che, soprattutto di questi tempi, devono fare i conti con patti di stabilità, riduzione di trasferimenti erariali e ristrettezze economiche.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico