Teverola

Rendiconto, l’opposizione: “Amministrazione scellerata”

 Teverola. “Quest’amministrazione anche per l’anno 2013 ha dimostrato approssimazione, scelleratezza e non è in grado di agire nell’interesse del bene comune”.

Così i consiglieri di opposizione del “Patto per Teverola”,Nicola Picone,Tommaso Barbatoe Biagio Pezzella dopo l’approvazione, da parte della maggioranza, del rendiconto di gestione esercizio finanziario 2013 nell’ultima seduta del Consiglio comunale, riunitosi lo scorso 30 aprile.

Nel mirino della minoranza la mancata attivazione delle opere di completamento del cimitero, l’appalto per la piscina, la realizzazione di via Quaranta e via Felleca, mancati interventi in materia ambientale e la gestione economico-finanziaria, in particolare quelle che vengono ritenute le “eccessive spese” per liti e vertenze, convenzioni per l’organo di valutazione e gli organismi partecipati.

Non sono mancate le accuse di eccessiva tassazione: “Si è registrato un nuovo aumento del 16% della tassa sui rifiuti che, sommato all’altro aumento del 9% del 2011, ha incrementato la tassa dei rifiuti ad oltre 3 euro al metro quadrato. Poi l’aumento dell’aliquota Imu al 0,5% che, di conseguenza, ha portato i cittadini a pagare la mini-Imu all’inizio del 2014”.

Gli esponenti del “Patto” hanno poi nuovamente ricordato le mancate risposte alle loro interrogazioni, le ultime che riguardano le emissioni in atmosfera di fumi prodotti da opifici a ridosso del centro abitato e il ristoro ambientale versato al Comune dalla società Set.

Un dato interessante emerso al termine della seduta consiliare è stato rappresentato dal voto favorevole al rendiconto espresso dal consigliere Gennaro Melillo, ex candidato sindaco ed ex capogruppo del “Patto”, ora nel gruppo misto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico