Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Piazza: “Le tasse di Cennami e Schiappa”

 Mondragone. E’ giunto il momento di fare chiarezza sulle nuove tasse imposte dal duo ribaltonista Cennami/Schiappa.

Nell’ultimo Consiglio comunale hanno dapprima approvato il nuovo regolamento sulla Tasi e sulla Tari, il quale era propedeutico alle loro finalità impositive, e poi hanno dato il via libera all’ennesimo salasso per i contribuenti mondragonesi.
E’ sufficiente analizzare qualche dato che subito salta all’occhio l’incremento attuato. Se si prende ad esame la famiglia “tipo” italiana, composta da quattro persone con due figli a carico, il conto è presto fatto. Per quanto riguarda la Tari (ex Tares ed ex Tarsu) si è partiti da un costo variabile, riferito all’anno 2013, di € 292,22 per accrescerlo fino a € 423,99 per l’anno in corso, con un aumento secco del 45%.
Per la Tasi (ex Imu e ex Ici), invece, il nucleo familiare preso a modello e con un immobile in proprietà del valore fiscale medio di € 70.000,00, si ritrova con il seguente – consistente – aumento:
Imu 2012 Governo Monti – Delibera Commissario Prefettizio: aliquota 5,5/1000 – Detrazione 1° casa € 200,00 – detrazione per ogni figlio € 50,00: imposta da pagare € 85,00; Tasi 2014 Delibera Cennami/Schiappa: aliquota base 2,5/1000 – Detrazione 1° casa € zero – detrazione per ogni figlio € zero: imposta da pagare € 175,00, con un aumento di oltre il 205%. E’ bene, altresì, far conoscere alla cittadinanza che la maggioranza ribaltonista ha sì previsto delle detrazioni per la prima casa di € 200,00, ma solo ed esclusivamente per i possessori di case di lusso!
Insomma chi ha più possibilità economiche è privilegiato dal governo “proletario” del Partito Democratico, mentre chi oggi deve affrontare la tante difficoltà dovute alla persistenza della crisi economica viene spremuto come un limone.
Queste sono le politiche sociali che attua la maggioranza nei confronti dei meno abbienti da un lato, mentre dall’altro non fa mai mancare il proprio sostegno economico ad ogni sorta di manifestazione con patrocini che partono da un minimo di € 500,00 fino ad arrivare a migliaia di euro.
Il consigliere comunale Giuseppe Piazza

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico