Italia

Spari ai tifosi, stub negativo per De Santis. Ma per i pm e’ stato lui

 Roma. Esito negativo per l’esame dello stub su Daniele De Santis, alias “Gastone”, l’ultrà della Roma accusato di aver sparato ai tifosi napoletani poche ore prima della finale di Coppa Italia all’Olimpico.

Nonostante il risultato che farebbe pensare all’innocenza dell’uomo, i pm hanno subito precisato: “L’esame dello stub eseguito su Daniele De Santis è compatibile con materiale da sparo”. Resta il responsabile della sparatoria, dunque. Lo stub ha individuato solo due particelle su tre di residuo da sparo, ma il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e il sostituto Antonio Di Maio hanno in mano altri elementi: in particolare le testimonianze di chi ha visto De Santis sparare in direzione dei tifosi napoletani. Saranno, tuttavia, eseguiti ulteriori accertamenti sulla pistola Beretta 7.65 con matricola abrasa dalla quale sono partiti i cinque colpi, quattro dei quali hanno ferito tre tifosi napoletani sabato prima della gara tra Napoli e Fiorentina.

De Santis ha sempre negato di aver sparato, ma resta indagato per tentato omicidio. Dalle indagini emerge anche che De Santis non era solo a Tor di Quinto, ma avrebbe fatto parte di un commando di ultrà romanisti a caccia di rivali napoletani.

La Procura capitolina ha chiesto la convalida dei fermi per lui e, con l’accusa di rissa, per i tre tifosi napoletani rimasti feriti nella sparatoria, compreso Ciro Esposito, ricoverato all’ospedale “Gemelli”. Le sue condizioni si sono aggravate, fa sapere l’avvocato Angelo Pisani, legale di Diego Armando Maradona, che fa sapere, tra l’altro, che i tifosi laziali hanno pagato l’albergo ai genitori di Ciro per consentire loro di restare a Roma vicino al figlio. Pisani accusa il governo: “Nessuno si è fatto vivo con noi”.

Al Gemelli era ricoverato anche “Gastone” che però, per ragioni di sicurezza, è stato trasferito. Intanto, per il timore di eventuali “vendette” tra tifosi, si sta pensando di anticipare al pomeriggio la gara di domenica tra Roma e Juventus.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico