Caserta

Il Filo Ritrovato, Kern: “Voi siete la cultura”

 Caserta. Domenica 18 maggio, alle ore 11.30, a San Nicola la strada, in piazza Parrocchia (davanti alla Cattedrale), e alle ore 18.30 a Santa Maria Capua Vetere, in piazza Bovio (davanti al Teatro Garibaldi), …

… torna l’originale ensemble di otto elementi provenienti da gruppi musicali casertani (Donato Tartaglione al contrabbasso, Rossella Scialla e Domenico Vastano voci e percussioni, Carmine Scialla plettri, Ubaldo Tartaglione chitarra, Alessandro de Carolis fiati, Agnese Tamburrini e Paola Napoli danzatrici), che intratterrà il pubblico a suon di canti e musiche.

“I Flash Note si stanno rivelando un’esperienza molto positiva – ha commentato Donato Tartaglione, musicista casertano e presidente della Proloco di San Leucio – che riannoda il filo dell’evento principale al pubblico delle piazze. E il contrabbasso rosso, predominante cromatica della Rassegna, è diventato ormai un simbolo inconfondibile. Credo che i Flash Note rappresentino anche un ottimo veicolo pubblicitario per un evento, che sta riscuotendo enorme successo con i concerti del venerdì al Belvedere di San Leucio. Il gruppo musicale che dirigo unisce la ricerca alla tradizione, orientata alla riscoperta del territorio borbonico. Ogni domenica inseriamo uno o due pezzi inediti per rendere tutte le esibizioni uniche ed irripetibili. Domani dedicheremo l’apertura al blues, poi alterneremo una tammurriata ad una pizzica e proseguiremo nel ricordo delle melodie legate alla produzione della seta ed ai suoni che ne segnavano il tempo”.

Sequenza di emozioni, come il “fuori programma” che sabato sera Oliver Kern, al termine dell’appassionante concerto dedicato a Wolfgang Amadeus Mozart, ha regalato al pubblico, dopo aver ricevuto la preziosa fascia di seta rossa damascata ed accolto con entusiasmo la nomina ad “Ambasciatore delle Bellezze Leuciane nel Mondo”, conferitagli dall’assessore al Turismo, Spettacolo e Grandi eventi, Pasquale Napoletano.

 Il pianista tedesco, infatti, contravvenendo alla sua stessa “regola” di non parlare mai alla fine dei concerti, ha chiesto il microfono e visibilmente commosso ha detto dal palco, rivolgendosi in primis proprio al rappresentante della Città di Caserta, che lo aveva insignito: “É con grande orgoglio che indosso questa fascia. La porterò con onore in giro per il mondo, parlando di questa importante Rassegna e ne diventerò ambasciatore. Devo ringraziare tutti voi e, in particolare, voglio ringraziare il pubblico, che, con la sua passione e la sua attenzione, mi ha lasciato a bocca aperta. Voi siete la cultura. In questi giorni mi sono sentito a casa: oltre al calore del cuore campano, ho trovato intorno a me una grandissima professionalità, degna dei più importanti eventi ai quali ho partecipato. Non mi è mancato nulla e so quanto è difficile mettere in piedi un evento del genere. Sono stato il direttore artistico del Festival di Baronissi, in provincia di Salerno, che è finito per colpa della politica. Qui la politica non deve fare lo stesso: facciamo diventare sempre più grande questa manifestazione”.

Poi, di nuovo al pianoforte, Kern ha dedicato alla sala gremita un emozionante bis, affidato a Chopin ed alla sua contagiosa emozione. Prossimo appuntamento venerdì 23 maggio, alle ore 20, con il giovane talento del pianoforte Lukas Vondracek, che interpreterà composizioni di JohannesBrahms.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico