Aversa

“Foto scandalo”, Sagliocco: “Pettegolezzi da bar”

 Aversa. “Possibile che ad Aversa non si possa passare a salutare un amico senza che si dia la stura a pettegolezzi da bar, facendo illazioni che nulla hanno da vedere con la politica?”.

Il sindaco Giuseppe Sagliocco commenta così la foto, diffusa da anonimi, che lo ritrae mentre esce dall’ufficio di Salvino Cella, suo avversario alle amministrative del maggio 2012 ed oggi esponente dell’opposizione consiliare, scattata il giorno successivo al Consiglio comunale di mercoledì 14 maggio.

Un’Assise resa possibile proprio da Cella e dal collega di partito, Salvatore Candida, che, insieme al vendoliano PasqualePandolfi, avevano consentito il permanere del numero legale e quindi la validità del consiglio, come riconosciuto al termine dello stesso da Sagliocco che ringraziò pubblicamente i tre componenti dell’opposizione per il comportamento responsabile tenuto nel rimanere in aula a differenza degli altri esponenti dell’opposizione.

Una foto che ha dato sfogoa ipotesi di accordo stipulato tra i due avversari politici per consentire il prosieguo di una sindacatura messa a rischio dalla crescita dell’opposizione e dal frazionamento delle maggioranza che, in occasione di quel consiglio, ha visto una insolita assenza di Forza Italia ormai lontana dal Nuovo Centro Destra di cui Sagliocco si è dichiarato espressione.

“Fantapolitica”, aveva commentato Cella interpellato sul tema ricordando che già in precedenza era stata ipotizzato un suo sostegno al sindaco solo per avere salutato il fratello del primo cittadino incontrato occasionalmente in un bar di Parco Argo. In quella occasione i “pettegoli” avevano diffuso la voce di una assenza di Cella programmata per un consiglio comunale da effettuare di li a pochi giorni. Dopo la foto si è parlato di accordi per tenere in piedi una maggioranza che, per gli oppositori, non c’è più. Per Cella ancora una volta è “fantapolitica”. Per Sagliocco solo pettegolezzi.

“In quella parte della città – dice il sindaco – vado spesso per i rapporti istituzionali esistenti con i Carabinieri che hanno la caserma in via Caravaggio, inoltre quel rione è oggetto di lavori di riqualificazione ancora in corso”. “Di conseguenza, trovandomi in zona sono passato a salutare un amico. Nulla di più”, conclude Sagliocco, ricordando che, comunque, “c’è libertà di pensiero”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico