Trentola Ducenta

Il Consiglio approva bilancio di previsione, Griffo: “Ridotte le tasse”

 Trentola Ducenta. Riduzione di tasse e imposte, impegno per occupazione e sviluppo per un riscatto e rilancio efficace ed effettivo della città.

Questo è il risultato della seduta del Consiglio comunale di Trentola Ducenta che ha approvato, forse primo in Italia, il Bilancio di previsione 2014. La straordinarietà dell’atto, dunque, non risiede nei tempi di approvazione, che solitamente, in altre realtà comunali, superano abbondantemente la metà dell’anno finendo per essere, in pratica, una sorta di “preconsuntivo”, quanto nei contenuti del Bilancio stesso che, in controtendenza rispetto all’orientamento nazionale, sanciscono una serie di diminuzioni di tasse ed imposte, pur mantenendo elevata la qualità dei servizi al cittadino.

Ancor più straordinaria, poi, la decisone del sindaco, Michele Griffo, di avvalersi della possibilità concessa dalla “legge Fornero” per offrire opportunità di lavoro occasionale a giovani e meno giovani, a disoccupati con famiglie a carico ovvero a studenti universitari, retribuiti con i cosiddetti voucher (o buoni lavoro) che garantiscono, oltre alla retribuzione, anche la copertura previdenziale presso l’Inps e quella assicurativa presso l’Inail. Una decisione saggia e di grande sensibilità verso i cittadini in difficoltà, in un momento di profonda crisi in cui anche poche centinaia di euro possono essere utili a far fronte a bisogni primari.Anche i gruppi di opposizione hanno fornito il loro contributo approvando i vari regolamenti che fissano le varie aliquote, dall’ex Imu alla Tares.

Entrando nel dettaglio dello strumento contabile, Griffo ha evidenziato che “l’impostazione del Bilancio di previsione è stata quella della riduzione delle tasse a carico dei cittadini. Per farla semplice: riduzione della spesa uguale riduzione delle tasse.Infatti, nonostante il Governo avesse previsto perl’ex Imuun’aliquota compresa nella forbice tra il 2,50 e il 3,30, a Trentola Ducenta per la prima casa abbiamo stabilito che si pagherà il 2,30 per mille, cioè due punti sotto il minimo stabilito dal Governo, e che tale aliquota sarà ridotta del 50% per le famiglie con un componente diversamente abile.

La tassa sui rifiuti rimarrà invariata rispetto allo scorso anno,essendo stata replicata la stessa delibera del 2013 che introduceva una riduzione dei costi intorno al 40/50% per gli esercizi commerciali e di circa il 50% per le civili abitazioni, il tutto senza incidere sulla qualità del servizio considerato che la raccolta differenziata ha toccato la cifra record del 77%, che abbiamo bonificato ben tre siti invasi dai rifiuti e che la ditta che espleta il servizio di igiene urbana viene pagata mensilmente il che assicura la regolarità degli stipendi degli operatori che lavorano sul territorio comunale. Non sarà applicata la tassa sui servizi gravante sui cittadini che i comuni avrebbero potuto introdurre per reperire risorse da investire per lavori pubblici di rifacimento e riqualificazione, e non sarà applicata alcuna tassa nemmeno per gli affittuari, altro balzello demandato ai comunità.

Discorso a parte merita l’Irpef che è rimasta invariata al 4% e che non siamo riusciti a ridurre a causa dei drastici tagli ai trasferimenti statali che si sono ridotti di circa 2 milioni e mezzo di euro passando dagli oltre 3 milioni a poco più di 700mila euro, che non sono sufficienti nemmeno a coprire le spese per il personale comunale.Tutto ciò è stato possibile senza rinunciare ad interventi strutturali per migliorare la vivibilità della nostra città. Tante le opere già in corso e tante quelle il cui iter è in fase di ultimazione.

Pensiamo a via De Nicola i cui lavori di riqualificazione sono in corso, a via Roma, arteria centrale di Ducenta i cui lavori sono stati appaltati, a via IV Novembre corso principale di Trentola per i quali il bando è già presso la Stazione Unica Appaltante. All’ampliamento della rete del metano che raggiungerà senza costi a carico del comune e dei cittadini le zone che attualmente non sono servite, al rifacimento della rete fognaria, dell’illuminazione pubblica e dell’arredo urbano di via Circumavallazione, alla manutenzione di tante arterie cittadine e degli edifici scolastici.

Tutto ciò rischia di far passare in secondo piano altri interventi ed atti di grande rilevanza come il completamento del Cimitero di Ducenta, l’adozione del Puc ed del Regolamento di Polizia mortuaria che, finalmente sarà utile a fare chiarezza nella jungla dei prezzi per i funerali. L’elenco di cose fatte e programmate sarebbe lunghissimo, ritengo dunque, che quando un’Amministrazione riesce a porre in essere provvedimenti per la sicurezza dei cittadini (impianti di video sorveglianza), la riduzione delle tasse, un servizio di igiene urbana efficiente, l’attenzione per le problematiche ambientali nonché interventi nel campo sociale, possa essere soddisfatta e ritenere di aver operato con impegno e serietà”.

Il sindaco, infine, ha dato notizia dell’inizio dei lavori di abbattimento della cabina Enel in via Ex Alifana, dei lavori di realizzazione di un parcheggio nello spazio antistante il Poliambulatorio di Trentola Ducenta, che è stato appaltato il progetto di recupero e riqualificazione dello standard comunale di via Cielo e che sono al via i lavori di abbattimento della palestra pericolante del plesso scolastico della scuola elementare in via Rossini.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico