Home

Nomadi, dopo 51 anni ancora musica: album e singolo in uscita

 “Nomadi 50 + 1”, dopo mezzo secolo di carriera la storica band non è stanca di fare musica: pubblicato a sorpresa il video del singolo “Come Va la Vita”.

La clip è stata realizzata a Milano dai Nomadi con la partecipazione di acrobati professionisti e traduce in immagini il messaggio della canzone, che denuncia l’arroganza del potere e racconta la lotta quotidiana per sopravvivere, la crisi dei valori e la voglia di essere liberi dalle convenzioni.

Intanto, il gruppo ha invitato i fan a pubblicare su Twitter e Facebook le loro foto con in mano il cd “Nomadi 50 + 1”, che celebra il 51esimo anno di vita del progetto. Una discografia nuova che Beppe Carletti racconta senza la voglia di guardarsi dietro: “È stato bellissimo quello che è successo l’anno scorso – spiega – ma non è nella mia natura rimanere con lo sguardo rivolto al passato per troppo tempo. Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare per rendere omaggio a una storia importante come la nostra, ma adesso è ora di ripartire, di continuare ad aggiungere altri capitoli”.

E allora – in uscita il 15 aprile – ecco 50 + 1, nuovo doppio album in cui – a fianco di due inediti – ci sono trentadue canzoni storiche dei Nomadi, da Io vagabondo a Ala bianca reinterpretate però da Cristiano Turato, ovvero l’ultima voce del gruppo chiamato a sostituire Danilo Sacco nel 2012.

“Abbiamo voluto sposare passato e presente, facendo cantare a Cristiano anche le canzoni che solitamente tutti i fan conoscono interpretate da Augusto (Daolio, leader storico del gruppo scomparso nel 1992, ndr). La scelta l’abbiamo fatta assieme, prendendo non solo i brani più famosi come Dio è morto o Il pilota di Hiroshima, ma anche cose meno note come Ti voglio – la cover di I want you di Bob Dylan che facemmo nel 1967 – oppure Mamma giustizia, che scrivemmo per un film (per No, il caso è felicemente risolto di Vittorio Salerno, del 1973, ndr). Sono felice, perché so che molti ragazzi le ascolteranno qui per la prima volta”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico