Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

San Cipriano, torna “La processione di Gesù Morto”

 San Cipriano. Domenica 13 aprile si terrà la rappresentazione della passione e morte di Cristo, che a San Cipriano viene chiamata “La processione di Gesù Morto”.

Una tradizione che ritorna dopo 14 anni di assenza. L’elemento centrale della processione è la figura di Gesù Cristo che trascina una croce in legno, frustato da due soldati e seguito dal cireneo e dai due ladroni. Mentre la processione prosegue, un gruppo di donne vestite a lutto ed accompagnate dalla banda musicale, intona due canti struggenti: “Ma che ti feci” e “Già condannato il figlio”. Un momento sentito e unico, frutto di una tradizione tutta sanciprianese, tramandata oralmente di generazione in generazione.

L’avvocato Gennaro Di Bonito, membro del Comitato Via Crucis e socio dell’associazione “San Cipriano nel Cuore”, afferma: “Dopo il grande lavoro fatto l’anno scorso, quest’anno non ci restava altro che migliorare le varie scene della processione che un po’ per tempo, un po’ per mancanza di fondi l’anno scorso non è stato possibile fare. Siamo passati da i circa 200 personaggi dell’anno scorso agli oltre 300 di quest’anno”.

Antonio Diana, referente di “Libera” a San Cipriano D’Aversa, commenta: “La Passione di Cristo è un evento vissuto intensamente da tutto il paese fino all’epilogo della domenica delle Palme, che vede San Cipriano d’Aversa trasformarsi in una piccola Gerusalemme con migliaia di persone che dai paesi limitrofi accorrono ad assistere alla straordinaria rappresentazione, ed è per questo che abbiamo accettato con entusiasmo l’invito a collaborare, lavorando in sinergia con giovani ed organizzatori storici al fine di preservare questo patrimonio culturale del nostro paese”.

L’avvocato Michele Pagano, socio dell’associazione “San Cipriano nel Cuore” e del Comitato Via Crucis, poi spiega: “Quest’anno tante novità ci saranno all’interno della processione, è stato fatto un grande lavoro, tutto grazie all’aiuto dei soci della nostra associazione e di volontari, come Pasquale De Luca, Gianluca Lattanzio, Vincenzo Manfredi, Alfonso Caterino, Dino Manfredi, Luigi Della Gatta, Francesco Di Stefano, delle sarte che con la loro pazienza seguono le direttive di Enrico Coppola e Salvatore Di Stefano, storici organizzatori della Via Crucis. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che ci hanno sostenuti sia economicamente che moralmente, perché anche in un periodo di crisi come questo tutti hanno contribuito secondo le proprie disponibilità, segno che la manifestazione è molto sentita. Stiamo cercando di dare un patrimonio culturale ai giovani del nostro paese con la speranza che fra qualche anno San Cipriano non sia ricordata solo come teatro di camorra ma come un paese in cui vivono tradizioni popolari e culturali forti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico