Carinaro

Barbato presenta la sua lista: “Ora spetta i carinaresi cambiare”

 Carinaro. Al lounge bar “Fuori Orario” si è tenuta la presentazione ufficiale della lista numero 2 “Uniti per Cambiare” guidata dal candidato sindaco Giuseppe Barbato.

Un evento che ha visto la presenza di tutti i candidati della lista, con parenti, amici, simpatizzanti, giovani e meno giovani, cittadini carinaresi e non, che, trascinati da questo vento di freschezza e di cambiamento, non hanno voluto mancare al primo appuntamento.

L’addetto stampa, Biagio Russo, coadiuvato da Giuseppe Barbato, ha introdotto una breve storia politico-civile del candidato a sindaco ed ha curato gli interventi dei “12 Guerrieri”, così come sono stati definiti da Barbato i candidati della sua lista: Rachele Barbato, docente di matematica e fisica; Vittorio Buonanno, commercialista; Bruno Centrella, operaio specializzato; Giovanni Coscione, sociologo; Daniela De Simone, laureanda in sociologia; Carla Orabona, laureanda in scienze religiose e catechista; Antonio Puca, dirigente aziendale; Assunta Madonia, Impiegata; Massimo Petrarca, imprenditore; Maria Attademo, laureata in economia e commercio; Alfonso Turco, laureato in scienze politiche; Nicola Zampella, operaio.

Occupazione, trasparenza amministrativa e tutela ambientale sono stati il leit motiv dei singoli candidati che si sono presentati rimarcando i valori basilari del progetto “Trasparenza e Partecipazione”. Tra i vari interventi spiccano, sicuramente, la determinazione e la voglia di mettersi in prima linea per il bene della propria città. Prima di dar parola ai singoli candidati, è stato dato un gradito saluto da parte di alcuni elementi della politica locale che hanno voluto omaggiare questo nuovo corso politico.

Il consigliere provinciale Luigi Menditto ha fatto un grosso in bocca al lupo per questa nuova avventura a tutto il partito neonascente; l’avvocato Massimo Comparone, già sindaco di Carinaro negli anni ‘90, ha voluto sottolineare il mix di esperienza e gioventù che caratterizza la lista, augurando un sincero ed affettuoso passaggio di testimone verso le nuove leve; il vicesindaco di Aversa, Nicla Virgilio, ha sottolineato che la città di Carinaro rappresenta attualmente il fiore all’occhiello dell’agro aversano, grazie al fatto che i cittadini carinaresi sono persone perbene, regalando un plauso alla cittadinanza tutta ed invitando tutti a votare la lista.

Barbato ha poi chiuso la presentazione con un deciso e sincero discorso: “Il mio obiettivo parte dal lontano settembre. Fermentava da mesi questa volontà di proporre qualcosa di nuovo per il nostro paese. In passato Carinaro ha premiato le iniziative dei giovani ed è attualmente in attesa, aspetta da tempo le istanze dei propri giovani. Noi siamo in fermento, pieni di idee da mettere a fuoco e da sviluppare. Carinaro ha bisogno di questa forza propulsiva, di questo fuoco. Nei paesi dell’agro limitrofi, c’è questa tendenza di rinnovamento verso i giovani, mentre negli ultimi tempi Carinaro si è fermata ad i soliti personaggi.

Noi siamo grati a chi finora ha dato ed ha fatto il bene della città, ricordiamo ad esempio il sindaco Bracciano che è deceduto qualche giorno fa. Siamo grati ai tanti amministratori che hanno fatto cose buone per la nostra società. Il nostro è un progetto ambizioso ed il 2014 rappresenta il momento in cui le forze nuove, le energie dei nostri giovani, possano dare l’apporto di cui Carinaro ha bisogno. I nostri giovani vogliono scendere in campo, dimostrando le loro capacità, le energie. Nessuno ha ricevuto un mandato ereditario nella politica, non siamo guidati da nessuna mano esterna, ma siamo nati con la voglia dell’impegno e del senso civico, di quella ideologia, del modus operandi atto ad offrire il meglio alla nostra città. Carinaro merita persone preparate, e queste energie che possano far qualcosa per questo paese.

Noi abbiamo stilato il programma in 5 punti: Lavoro ed economia locale, Amministrazione Trasparenza e Partecipazione, politica Sociale, Programmazione e Bilancio, Riqualificazione Urbana e Ambientale. Entreremo nelle Case dei nostri concittadini presentando il nostro piano che verte su 3 principi fondamentali: Il lavoro per i giovani – un fatto immediatamente attuabile mediante short list di candidati da proporre alle aziende che si trovano nel nostro territorio; L’ambiente – dobbiamo essere custodi del nostro territorio e dare incentivi alle guardie ecologiche finora mai valorizzate a dovere; La macchina amministrativa – Il Comune conta attualmente 15 dipendenti, che sono pochi per poter rendere pianamente operativi i servizi necessari per i cittadini. Innovazione Amministrativa, Giovani e Ambiente.

Sono questi gli argomenti della lista ‘Uniti per cambiare’. Fra un mese scopriremo se Carinaro avrà avuto il coraggio di dar fiducia a questo giovane, coraggioso ed ambizioso progetto. Le premesse ci sono tutte, ora spetta al voto popolare dare mandato di concretizzare con il progetto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico