San Giuseppe Vesuviano - San Gennaro Vesuviano - Striano

Cub, l’aversano Giuseppe Somma nuovo commissario liquidatore

 Aversa. L’avvocato Giuseppe Somma, 38 anni, di Aversa, è il nuovo commissario liquidatore del Consorzio unico di bacino delle province di Napoli e Caserta.

La nomina arriva dopo il decreto di revoca rifilato a Lorenzo Di Domenico da parte dei presidenti delle province di Napoli, Antonio Pentangelo, e di Caserta, Domenico Zinzi, secondo i quali il precedente liquidatore si sarebbe indebitamente intromesso nelle vicende casertane spostando anche risorse. Agli atti della revoca è contenuto anche un verbale dei revisori dei conti in cui si chiede l’intervento degli amministratori.

Gli attriti tra Di Domenico e il presidente Zinzi, in particolare, si trascinavano da tempo. Lo scorso luglio Zinzi aveva contestato a Di Domenico di aver rimandato indietro la delibera con la quale si attribuiva a Pasquale De Lucia l’incarico di capo del personale, dopo i rilievi mossi dai revisori dei conti sul fatto che lo stesso De Lucia non avesse i titoli per ricoprire l’incarico.

La risposta di Di Domenico fu quella di denunciare Gaetano Farina Briamonte, responsabile dell’articolazione territoriale casertana, per gli incarichi affidati da Zinzi ad alcuni legali. Tra l’altro, secondo l’ex liquidatore, Briamonte avrebbe venduto i beni del consorzio senza averne la capacità giuridica.

Intanto, sale la tensione tra i sindacati che contestano l’ennesimo cambio di commissario, ancora di più tra i lavoratori che continuano a non percepire lo stipendio. Insomma, la strada per il nuovo commissario Somma è tutta in salita.

La nota della Provincia: “Cessato rapporto di fiducia con Di Domenico”. In una nota, la Provincia di Caserta chiarisce che “la nomina di Somma è stata concordata tra i due presidenti, anche se la sua individuazione è stata operata dall’amministrazione provinciale di Napoli, che l’ha poi condivisa con la Provincia di Caserta”. Inoltre, precisa “che la decisione di revocare il soggetto liquidatore Lorenzo Di Domenico, provvedimento che la Provincia di Caserta aveva già sollecitato in più occasioni e da diversi mesi, è da considerarsi un atto dovuto e non certo di natura politica. Nel corso della sua attività, infatti, così come testimoniato anche da diversi verbali forniti dal Collegio dei Revisori dei Conti del Cub, il commissario Di Domenico ha sostanzialmente svuotato di autonomia l’articolazione casertana del Consorzio, non condividendo con il subcommissario Gaetano Farina Briamonte alcuna decisione e procedendo, quindi, in maniera del tutto unilaterale, non considerando, in alcun modo, il ruolo e le prerogative del subcommissario liquidatore ed il principio, normativamente affermato, della separazione funzionale ed organizzativa fra le articolazioni territoriali del Consorzio Unico di Bacino”.

“Il perdurare di un’azione non corretta, – prosegue l’amministrazione Zinzi – sotto il profilo amministrativo e gestionale, da parte del soggetto liquidatore del Consorzio Unico di Bacino Napoli-Caserta, Lorenzo Di Domenico, e il cessare di un rapporto di fiducia tra lo stesso soggetto e i due Presidenti delle Province di Napoli e Caserta, organismi che avevano proceduto alla sua nomina, hanno portato, secondo corrette modalità procedurali, alla revoca dello stesso provvedimento”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico