Succivo

“Passi di educazione” con Alfredo Mantovano

Alfredo Mantovano Succivo. Al suo decimo ciclo – che ha visto alternarsi, in questi ultimi sei anni, numerosi uomini di cultura e dello spettacolo su tematiche quali la scienza, l’arte, la storia, la fede – l’Officina affronterà questa volta “L’emergenza educativa”.

Lo farà attraverso i “passi” di tre libri, che affrontano dinamiche che sono alla base dell’esperienza umana. Partendo dall’analisi di fenomeni che riguardano la società, si passerà alla famiglia e al rapporto padri-figli, concludendo con l’esperienza di una grande personalità del ‘900, che ha educato intere generazioni puntando sull’esaltazione dell’io nell’incontro affascinante col cristianesimo.

Gli incontri, moderati dal prof. Gianni Aversano, assessore alla Cultura e coordinatore del Centro Culturale, si terranno nell’Auditorium Paolo VI in piazza IV novembre a Succivo. Si parte mercoledì 12 marzo, alle ore 19, col libro “I(r)rispettabili. Il consenso sociale alle mafie” (ed. Rubbettino), di Alfredo Mantovano e Domenico Airoma. A dialogare saranno l’autore Alfredo Mantovano (Giudice Corte d’Appello di Roma – già Sottosegretario di Stato agli Interni) insieme a Gianluca Guida (direttore dell’istituto Penale minorile di Nisida) che porterà anche la sua testimonianza di lavoro in prima linea.

Gli autori del libro affrontano il tema del crescente consenso sociale verso le organizzazioni mafiose nelle zone in cui tali forme criminali sono tradizionalmente presenti. Lo affrontano distinguendo tre aspetti: 1) la descrizione del fenomeno, l’anamnesi, che identifica con esempi concreti le principali manifestazioni del consenso; 2) lo sforzo di comprendere le ragioni del consenso, la diagnosi; 3) la terapia, cioè le buone pratiche educative e di solidarietà che si fa spesso imprenditoria e testimonianza.

Alfredo Mantovano. Giudice Corte d’Appello di Roma – già Sottosegretario di Stato agli Interni ha contribuito alla realizzazione di nuovi modelli di contrasto della criminalità mafiosa, soprattutto al Sud (il c.d. modello Caserta). Fra i volumi pubblicati a sua firma:La giustizia negata. L’esplosione della criminalità fra crisi dei valori ed emergenza istituzionale;La vitalità del diritto naturale.

Gianluca Guida. Direttore dell’istituto Penale minorile di Nisida. Una profonda umanità e capacità nel trattare con una gioventù segnata. Ha dichiarato in una recente intervista: “…Bisogna andare nelle periferie esistenziali, conoscerle così da sapere poi come agire in esse. Noi ci impegniamo costantemente nel prenderci cura dei nostri giovani, assumendoci insieme la responsabilità del loro futuro, vivendo insieme le esperienze. Loro chiedono una risposta educativa per colmare quel profondo vuoto che hanno”.

Si darà in seguito notizia approfondita degli appuntamenti che seguiranno, il 25 marzo e il 23 aprile, con la presentazione dei libri:

“CONTRO I PAPA’. Come noi italiani abbiamo rovinato i nostri figli” (ed. Rizzoli), di Antonio Polito (Direttore del Corriere del Mezzogiorno ed editorialistadelCorriere della Sera). L’autore dialogherà con Filomena Zamboli (Dirigente Scolastico del Liceo Pascal di Pompei, già dirigente scolastico di un circolo didattico)

“VITA DI DON GIUSSANI” (ed. Rizzoli), di Alberto Savorana. Il libro sarà presentato da Eugenio Mazzarella (Filosofo ed ex politico. Ordinario di Filosofia Teoretica nell’Università di Napoli “Federico II) e da Franco Palmieri (Regista teatrale e scrittore)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico