San Marcellino

Degrado in periferia, Colombiano: “Ma cosa fa l’assessore Santagata?”

 San Marcellino. Preoccupano le condizioni di degrado ambientale presenti nei rioni Campo Mauro e Santa Croce del Comune di San Marcellino.

A focalizzare l’attenzione sul problema sono state le polemiche dei cittadini residenti nei luoghi interessati i quali, dopo aver ripetutamente richiesto l’intervento del sindaco per risolvere la situazione e, di fronte alla negligenza di quest’ultimo, hanno deciso di denunciare i fatti pubblicamente, attraverso i principali quotidiani locali. In particolare a destare la preoccupazione dei residenti è stata la mancanza di un servizio di nettezza urbana efficiente; la mancanza di aree verdi curate e mantenute in maniera adeguata; la presenza di rovi e erbacce nei pressi delle stazione e dei marciapiedi delle principali strade del paese e in alcuni luoghi chiave come nei pressi delle scuole medie.

A farsi portavoce e sostenitore dei cittadini vittime dei disagi è Anacleto Colombiano, leader dell’opposizione consiliare, il quale ha sottolineato come, al di là del degrado in cui versano alcune parti del paese, sia da sottolineare la mancanza di sensibilità da parte dell’amministrazione attualmente al governo verso una difficoltà tangibile che crea quotidianamente un disagio sociale alle persone interessate.

“Non è mai successo nella storia del Comune di San Marcellino – spiega Colombiano – che un assessore avesse avuto una delega ai Rioni del paese, cosa che invece è toccata all’avvocato Alfonso Santagata. Purtroppo, a giudicare dall’operato del suddetto non sembra sia cambiato molto. Infatti, è con rammarico che mi trovo costretto a denunciare l’assoluta incompetenza o, peggio ancora, il disinteresse di Santagata nell’affrontare e risolvere i problemi dei rioni di cui è rappresentante. Arrivati a questo punto non si tratta più di politica, ma di umanità. Oltre alla delega per i rioni il Santagata detiene al momento anche quella per la pubblica istruzione e, ricordando i disagi che le scuole del paese hanno vissuto in questi anni, la viabilità, la pubblica illuminazione, le attività commerciali abbandonate, l’igiene urbana inesistente, il controllo del territorio che è praticamente inesistente, abbandonato anche dai vigili urbani. Mi chiedo…ma in cambio dello stipendio di 1.200 euro cosa offre Santagata ai cittadini dei rioni, quali proposte per la risoluzione delle problematiche? Che fino hanno fatte le promesse alle imprese in campagna elettorale? Adesso si limita a sponsorizzare qualche sopraelevazione non legittima insieme a qualche collega di Villa Di Briano. Non possiamo che riconoscere il brutto periodo della vita politica sammarcellinese grazie ai soliti (ahimè) noti, Carbone e soci”.

“E’ tempo di cambiare, – conclude Colombiano – di voltare pagina, di mandare a casa chi non ha alcun interesse nel coltivare e far crescere il proprio paese. E’ cronaca giornaliera quella in cui popolazioni intere scendono in piazza per reclamare i propri diritti, per far scappare a gambe levate i soliti furbetti di turno che nulla offrono all’utilità comune, è giunto il momento di prendere esempio da loro, da chi ha il coraggio di denunciare, da chi ha il coraggio di far sentire la propria voce, è giunto il momento di cambiare rotta e dirigersi verso un futuro migliore per San Marcellino”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico