Maddaloni - Valle di Maddaloni

Bove: “Maggioranza in preda a panico e confusione”

 Maddaloni. Il consigliere comunale Luigi Bove commenta il consiglio comunale di lunedì tenutosi sulla questione ex Cava – Masseria Monti e ex Foro Boario chiesto dall’opposizione.

“La richiesta di consiglio comunale – spiega Bove – avanzata da noi consiglieri dell’opposizione ha sortito effetto e soprattutto ha visto un nostro ordine del giorno essere votato all’unanimità dal consiglio comunale. Ricordo che i sottoscrittori e i proponenti dell’ rdine del giorno erano il sottoscritto, i consiglieri comunali di ‘Maddaloni nel Cuore’ Andrea De Filippo e Antonio di Nuzzo, i consiglieri comunali del Pd Gaetano Esposito e Francesco Capuozzo e il capogruppo di ‘Insieme’, Enrico Pisani”.

Bove traccia alcuni passaggi dell’ordine del giorno da loro presentati: “Hanno votato all’unanimità il nostro ordine del giorno ed eravamo gli unici ad essersi presentati con una proposta concreta. Su un tema cosi importante la maggioranza non si è presentata con una proposta. Con i colleghi dell’opposizione abbiamo innanzitutto abbiamo sollevato un tema importante come quello delle bonifiche. Mentre sull’ex Foro Boario la bonifica è, secondo gli atti, pronta e devono solo sollecitare la Sogesid affinchè faccia aprire il cantiere per la bonifica del sito; è un iter a cui abbiamo lavorato tantissimo in passato. Mentre per ex cava masseria Monti, abbiamo ricostruito l’iter amministrativo di questi anni e la necessità di intervenire, in pressing, nei confronti della Regione Campania e del Ministero”.

Il consigliere, inoltre, spiega che “insieme ai colleghi consiglieri del Pd, Esposito e Capuozzo, di Maddaloni nel Cuore, De Filippo e Di Nuzzo e con Pisani, di Insieme, abbiamo proposto un ordine del giorno che ha deliberato di chiedere al Ministero dell’Ambiente e la tutela del territorio e del mare nonché alla Regione Campania, di intraprendere in maniera urgente e improcrastinabile tutte le azioni atte alla messa in sicurezza e alla bonifica del sito per salvaguardare la comunità tutta e tutelare anche il lavoro di coltivatori e proprietari terrieri chiedendo anche un indennità a favore degli stessi; di chiedere alla Regione Campania una nuova riclassificazione dell’ex cava, più idonea ad accedere ai finanziamenti Fas; di chiedere all’amministrazione comunale di costituirsi parte civile nei processi civili e/o penali per reati di carattere ambientale e utilizzare eventuali ristori per il finanziamento di opere di recupero ambientale; che l’ordine del giorno sia interamente inviato al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Campania, all’Arpac e alla Provincia di Caserta”.

Bove commenta anche il dato politico: “La mia personalissima posizione politica nota una maggioranza consiliare che inizia a scricchiolare non tanto numericamente ma almeno sul piano della dialettica politica. Infatti abbiamo ascoltato la dichiarazione del neo capogruppo di Priorità Città, Gennaro Cioffi. Non entro nel merito delle motivazioni politiche tutte interne alla maggioranza, al momento, ma sicuramente Cioffi ha tirato in ballo, politicamente parlando, il sindaco e la maggioranza. Il silenzio sia del sindacoche della maggioranza, sulle parole di Cioffi, la dicono lunga sul fatto che, a questo punto, c’è da pensare che sono in preda al panico e alla confusione. Non sanno che pesci prendere. Noto che la stella non brilla più”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico