Home

Pio & Amedeo padroni del box office

 Il fine settimana appena conclusosi ha segnato un ottimo successo di cassetta per il cinema italiano. Il duo comico Pio & Amedeo si è, infatti, guadagnato la testa della classifica, facendo segnare con il loro “Amici come noi” un incasso totale di oltre un milione di euro.

La pellicola diretta da Enrico Lando, già regista de “I soliti idioti”, ripercorre le orme del predecessore mettendo insieme gag, per lo più scombinate, colorite dal dialetto pugliese dei due emigranti per forza alla ricerca di maggiore fortuna, prima al Nord e poi all’estero. Mattatore dell’operazione commerciale è, senza dubbio, la “Iena” televisiva Amedeo Grieco, che ha sfruttato la sua popolarità catodica per attrarre in sala un gran numero di spettatori interessati al semplice e puro divertimento.

Unico contendente capace di superare la fatidica cifra del milione di euro è stato il cartoon della 20th Century Fox “Mr Peabody and Sherman” di Rob Minkoff, segno che l’animazione, soprattutto in 3D, continua a fare breccia nei cuori non solo del pubblico più giovane ma anche in quello dei loro genitori.

Terzo e quarto posto appannaggio, rispettivamente, dell’epico “300 – L’alba di un impero” di Noam Murro, decisamente inferiore rispetto al prequel diretto dall’esperto Zack Snyder, e il poco riuscito “Allacciate le cinture” di Ferzan Ozpetek, eccessivamente centrato sulla fisicità esibita dalla coppia protagonista Smutniak-Arca.

Al quinto si piazza la deliziosa commedia anglo-francese “Non buttiamoci giù” di Pascal Chaumeil, mentre sesto risulta, finalmente, uno dei lungometraggi più interessanti, spiazzanti e intensi dell’anno, l’imperdibile “Lei” di Spike Jonze, autentico manuale di formazione sentimentale interpretato da un commovente Joaquin Phoenix, ingiustamente escluso dalle candidature all’Oscar.

Gli action yankee “Need for speed” di Scott Waugh e “47 Ronin” di Carl Rinsch si fermano al settimo e all’ottavo gradino, mentre chiudono la top ten il favolistico “La bella e la bestia” del francese Cristophe Gans (nono) e il thriller “il ricatto” dello spagnolo Eugenio Mira (decimo).

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico