Cesa

Rifiuti, Guida a Romeo: “Dica la verità”

 CESA. Continua il botta e risposta tra l’assessore all’Ambiente Giovabattista Romeo e il consigliere di opposizione Enzo Guida in merito al disservizio della raccolta rifiuti verificatosi venerdì scorso.

A replicare stavolta è Guida che ribadisce: “L’assessore Romeo legga meglio e con più attenzione e soprattutto dica la verità. E poi basta con la storia che la colpa è sempre di qualcun altro. Le mie dichiarazioni, in merito al disservizio di venerdì relativo alla raccolta dei rifiuti, si limitavano ad una valutazione di quel giorno.

Avendo parlato direttamente con gli addetti al servizio, per avere notizie certe e non per avere versioni di comodo rispetto a quanto accaduto, sapevo bene che vi era stato un incontro al comune stesso in tarda mattina con i responsabili della DHi e che, a fronte della promessa di pagamento, cioè di un acconto sul credito vantato dalla società, era stata assicurata la ripresa regolare del servizio, sin dal sabato mattina. Non sono certamente io a mettere in giro notizie allarmistiche.

Forse – continua il consigliere di opposizione – è l’assessore Romeo a non raccontare ai cittadini la verità su quanto accaduto venerdì. Ricordo al delegato all’ambiente che venerdì ha parlato di ‘un problema tecnico’ che aveva impedito all’azienda di svolgere il servizio. Io ho semplicemente ‘svelato’ quello che era il motivo reale della raccolta a metà. L’assessore Romeo farebbe bene a dire quali sono le fatture non ancora pagate a questa ditta e a quanto ammontano. E poi basta con la storia che la colpa è sempre degli altri. Oggi apprendiamo che la colpa del disservizio è dei cittadini che non pagano la Tares.

Ma amministrare – conclude Guida – significa assumere responsabilità e decisioni e rispondere delle proprie azioni. Il piagnisteo cui ci avete abituato, per cui qualsiasi cosa accade la responsabilità non è mai vostra, ci ha stancato. I cittadini non pagano la Tares? Invece di colpevolizzare i contribuenti, come avete già fatto in passato, interrogatevi sui perché ed adottate della soluzioni utili”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico