Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Assicurazioni e abbattimenti, Mpr incontra Tofalo e il M5S

Angelo Tofalo Casal di Principe. Il Movimento per il Riscatto ha ospitato nelle propria sede, a Casal di Principe, il deputato Angelo Tofalo del Movimento 5 Stelle, membro del Copasir, per discutere delle problematiche nazionali e territoriali.

L’avvocato Francesco Martino, presidente dell’Mpr, nel presentare l’iniziativa ha precisato che la battaglia contro le lobby delle assicurazioni fu intrapresa dal “Coordinamento per il Riscatto” alcuni anni fa con la proposta di istituire la “Tariffa unica nazionale” che prevede che il premio assicurativo sia vincolato all’attestato di rischio e non al luogo di residenza. All’epoca furono raccolte migliaia di firme per cui l’Mpr ha ritenuto opportuno ospitare Tofalo e gli attivisti pentastellati che stanno portando avanti un’analoga iniziativa.

All’incontro che, precedentemente si doveva svolgere in piazza Mercato ed è stato spostato per le avverse condizioni climatiche, all’ultimo momento nella sede dell’Mpr, hanno preso parte numerosissimi cittadini, al punto che molti non sono riusciti ad entrare e sono stati costretti a restare all’esterno della sede dell’Mpr, a dimostrazione che il popolo, a differenza di ciò che credono i vecchi politicanti, quando è interpellato su problemi che lo riguardano risponde con entusiasmo.

Nel corso dell’incontro Tofalo ha parlato delle iniziative del M5S in Parlamento ed ha interloquito con i numerosi cittadini presenti, parlando anche del reddito di cittadinanza. L’avvocato Martino, a nome del Movimento per il Riscatto, gli ha chiesto di impegnarsi e di votare a favore della legge che fissa i criteri di priorità sulle demolizioni delle prime case di necessità che dovrà essere discussa alla Camera dei Deputati fra pochi giorni, precisando che tale problema è molto sentito dalla popolazione campana, in particolare da quella dei comuni dell’agro aversano dove sono numerose le abitazioni che rischiano la demolizione. A tal riguardo Tofalo si è assunto l’impegno di farsi portatore di tale istanza verso gli altri componenti del M5S affinché non facessero opposizione alla legge che è già stata approvata dal Senato.

Prima di andare via Tofalo ha firmato anche la petizione promossa dal Movimento per il Riscatto da indirizzare alla Fieg ed all’Ordine dei Giornalisti affinché non utilizzassero più il termine “clan dei casalesi” e “Terra dei Fuochi” per descrivere un’organizzazione malavitosa ed un vasto territorio “perché in tal modo si discrimina un popolo ed un territorio portandolo al collasso economico e sottoponendolo ad una forte speculazione”.

Al termine dell’incontro reciproca soddisfazione è stata espressa dai componenti del Movimento per il Riscatto e da quelli del M5S “che hanno dato prova – commentano dall’Mpr – che la vera politica si fa incontrando la gente e parlando dei problemi concreti dei cittadini con parole semplici ed efficaci affinché tutti possano comprendere e partecipare alla discussione. E’ stato un vero esempio di democrazia partecipata”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico