Sant’Antonio Abate - Lettere

Forza Italia, gaffe di Luigi Cesaro: telefona al “Mercurio sbagliato”

 Napoli. Una gaffe memorabile per il deputato di Forza Italia, Luigi Cesaro, ex presidente della Provincia di Napoli, che al telefono ha chiamato Nicola Mercurio, candidato sindaco al Comune di Sant’Antonio Abate, credendo invece di parlare con un altro Mercurio, Geppino, ex assessore della giunta ancora in carica nel comune napoletano.

Un errore di omonimia, quello di “Giggino”, andato ben oltre. Nicola Mercurio ha raccontato che Cesaro lo ha chiamato “Geppino” e iniziato a raccontargli di aver litigato il giorno precedente in Parlamento col coordinatore campano del Nuovo Centrodestra, Gioacchino Alfano, ex sindaco di Sant’Antonio Abate, perché avrebbe sottoscritto per le comunali l’accordo con “quell’altro”.

Ebbene, “quell’altro” a cui faceva riferimento Cesaro era proprio Nicola Mercurio, anch’egli esponente di Forza Italia ma che, nel presentare la sua candidatura a sindaco, ha raccolto l’adesione dell’Ncd. Decisione non andata giù al deputato forzista, il quale, proseguendo la conversazione, ha detto che si sarebbe dovuta fare “una lista in appoggio” al sindaco uscente, il centrista Antonio Varone, ossia il diretto avversario di Nicola Mercurio. A quel punto quest’ultimo si è rivelato. Dall’altro capo del telefono, dopo qualche secondo di silenzio e smarrimento, Cesaro si è scusato.

Per il candidato sindaco è meglio “che Berlusconi tenga gli occhi aperti” su certe manovre politiche che il suo partito sta attuando in Campania a “disturbo” dei “dissidenti” di Forza Campania vicini a Nicola Cosentino e ai “traditori” del Nuovo Centrodestra.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico