Napoli Prov.

Afragola, agguato sull’Asse Mediano: ucciso detenuto semilibero

 Napoli. Stava rientrando nel carcere di Secondigliano Gennaro Caliendo, 36 anni, detenuto in semilibertà, quando, lungo l’Asse Mediano, all’altezza di Afragola, è stato affiancato da un’autovettura con a bordo due sicari che gli hanno esploso contro diversi colpi d’arma da fuoco.

E’ successo nella tarda serata di sabato. I killer sono arrivati dal corso Meridionale. Caliendo, che era alla guida di una Matiz grigia, li ha visti, ha fatto retromarcia sbandando contro un pilastro. A quel punto è stato centrato più volte all’addome, al collo e alla nuca.

Sul posto gli agenti del commissariato di polizia, guidati dal vicequestore Sergio Di Mauro. Caliendo, che doveva tornare in carcere entro le 21, era stato condannato a 15 anni di reclusione per l’omicidio di Rodomonte Chiacchio, un ragazzo di 18 anni accoltellato per la rapina di un cellulare nel 1999. E ora stava scontando la pena per quel delitto. L’agguato potrebbe rientrare nella guerra tra i clan in lotta tra loro per il controllo delle piazze di spaccio. Qualche ora dopo la polizia ha trovato nelle campagne di Acerra, vicino al centro commerciale “Le Porte di Napoli”, un’autovettura data alle fiamme, un’Alfa 146, forse quella utilizzata dal commando per uccidere Caliendo.

Non è l’unico episodio di sangue avvenuto in serata nel Napoletano. Ai Colli Aminei, quartiere del capoluogo al confine tra l’Arenella, Capodimonte e Miano, alcuni sicari hanno tentato di uccidere Mario Lo Russo, fratello di Salvatore (attualmente collaboratore di giustizia), boss del clan dei “Capitoni” di Miano. Ma a farne le spese è stato il suo guardaspalle, Domenico Raffone, che è morto sul colpo dopo essere stato raggiunto da numerosi colpi al volto e al torace.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico